Aadam ed Eeva




Recensione di Leonardo Di Lascia


Autore: Arto Paasilinna 

Traduttore: M. Ganassini

Editore: Iperborea

Genere: narrativa

Pagine: 256

Anno di pubblicazione:2019

 

 

 

 

 

 

 

Sinossi. Piccolo imprenditore in una Finlandia in grave crisi economica, Aadam Rymättylä si barcamena ormai tra debiti e pignoramenti, un’interminabile fila di creditori e un branco di figli da mantenere: ben sette, con tre madri diverse, prove viventi della sua grande passione per l’amore, che, si sa, ha pure quello il suo prezzo. Ridotto a vivere nel capannonedella ditta a Tattarisuo, nella triste periferia di Helsinki, Aadam non perde però la speranza e continua i suoi esplosiviesperimenti per mettere a punto una batteria ultraleggera che rivoluzioni il sistema energetico mondiale. Finché un’ennesima malasorte lo conduce dietro le sbarre. Ma come spesso accade ai resilienti personaggi di Paasilinna, è la comparsa di una donna a portare una svolta nella sua vita: l’intraprendente avvocatessa Eeva Kontupohja, che credesubito nella sua innocenza e nel suo talento di inventore. Evidentemente lassù qualcuno li ama: il prototipo della batteria miracolosa funziona davvero, la rivoluzione energetica è cominciata, e i due si ritrovano lanciati in un’ascesafulminea fino ai vertici della ricchezza del mondo. Ma cosa succede quando un’innovazione tecnologica minaccia gliinteressi dei potenti e rischia di sovvertire gli equilibri economici e politici della terra? Con straordinaria preveggenzasui grandi temi e i protagonisti del presente, Paasilinna conduce il suo novello Adamo – tra riunioni segrete di petrolieri, reginette del latte innamorate, sicari professionisti e l’immancabile tassista Seppo Sorjonen – oltre i confinidel mondo, con una domanda: può una ricchezza senza limiti convivere con le migliori intenzioni?

 

Recensione

Arto Paasilinna è un autore che non ha bisogno di molte presentazioni, è diventato un classico della letteratura scandinava e della letteratura in generale. Un autore che con le sue storie ci ha fatto entrare nel mondo scandinavo raccontandoci i vari aspetti di questi Paesi, dalla crisi economica, alla vita di tutti i giorni sempre con il suo stile travolgente ed umoristico.

In Aadam ed Eeva non è da meno ci racconta tramite gli occhi dell’imprenditore finlandese Aadam Rymättylä la crisi economica. Il protagonista è un personaggio molto singolare con sette figli e tre mogli da mantenere e …. dove vive? Vive nel suo capannone. Non si perde d’animo e mette a punto una nuova invenzione.

Ma la sorte non gli è amica e finisce in galera…..quando la sua vita sembra precipitare  in un  baratro arriva la giovane e rampante avvocatessa Eeva  Kontupohja che non si fa abbindolare dalle chiacchiere su AAdam e insieme a lui prova la sua innocenza e crede nella  nuova invenzione che rivoluzionerà il mondo dell’energetica. La loro ascesa è trionfale…

Un libro visionario come tutti I libri scritti dal maestro Paasilinna, dove con le sue allegorie e umorismo ci descrive una problematica sempre molto delicata in questo caso, il rinnovamento energetico e tutto quello che c’è dietro le grandi holding che gestiscono il mercato dell’energia.

Mai ledere gli affari di queste multinazionali, sono disposti anche ad uccidere..

Un libro attuale e importante, il richiamo ad Adamo ed Eva è geniale, come loro sono stati designati a creare la razza umana i nostri  protagonisti hanno il compito di reindirizzare la razza umana grazie all’invenzione tecnologica.

Un libro da leggere non solo per gli amanti della letteratura nordica ma per gli amanti della letteratura in generale.

 

 

 

 

Arto Paasilinna


Arto Paasilinna Prima guardiaboschi, poi giornalista, poi poeta, Arto Paasilinna (1942-2018) è un autore di culto in Finlandia, molto amato anche all’estero per il travolgente humour e la capacità di raccontare ridendo anche le storie più tragiche. Dopo L’anno della lepre, che ha superato le 120mila copie in Italia, Iperborea ha pubblicato altri sedici romanzi, l’ultimo dei quali è Emilia l’elefante.

 

Acquista su Amazon.it: