All’Ombra di Julius




All’Ombra di Julius / After Julius

Recensione di Marina Morassut


Autore: Elizabeth Jane Howard

Traduttore: Manuela Francescon

Editore: FAZI

Pagine: 326

Genere: Narrativa

Anno di pubblicazione: 2018

 

 

 

SINOSSI: Dall’autrice della saga dei Cazalet, un nuovo romanzo toccante e divertente. Nuovi personaggi e una nuova storia, raccontati con lo stesso stile, la stessa eleganza e la stessa intelligenza. Sono passati vent’anni dalla morte di Julius, ma il suo ultimo gesto eroico ha lasciato il segno nelle vite di chi gli era vicino. Emma, la figlia minore, ventisette anni, ha paura degli uomini. Cressida, la maggiore, vedova di guerra, cerca l’amore in una serie di relazioni con uomini sposati. Esme, la vedova, ancora attraente alla soglia dei sessant’anni, è persa nella routine domestica della sua bellissima casa. E poi c’è Felix, ex amante di Esme, che l’ha lasciata quando il marito è morto. E infine Dan, un estraneo. Si ritrovano tutti a trascorrere un weekend insieme in campagna: giornate disastrose e rivelatrici, sulle quali incombe, prepotente, l’ombra di Julius.

 

 

RECENSIONE:

Ci sono scrittrici la cui vita è intessuta magnificamente nelle opere che scrivono. Ci sono romanzi che sono inestricabilmente legati alla vita della propria autrici.

Imprescindibile quindi la lettura delle opere insieme alla conoscenza della vita di un autore, e in special modo con l’inglese Elizabeth Jane Howard, che ha realizzato un intreccio tra finzione e realtà che vale la pena ampliare, leggendo anche la sua biografia, oltre ai romanzi.

È un vero peccato che il periodo storico nel quale ha pubblicato i suoi romanzi più famosi – la Saga della famiglia Cazalet (anni ’80 e ’90 del secolo scorso) – abbia decretato sia il successo di pubblico di questi romanzi, sia l’indifferenza da parte della critica, che solo recentemente ha riconosciuto il valore intrinseco di questi romanzi, il cui successo non si può ascrivere semplicemente a una scrittrice che ha pubblicato romanzi per sole signore, o a una ricca signora che scriveva solo per impegnare il suo tempo…

Scritto una decina di anni prima rispetto alla sua opera più famosa, All’Ombra di Julius contiene sicuramente in sé i semi della fioritura che avverrà con la Saga dei Cazalet, ma sarebbe riduttivo fare questa unica considerazione.

Tre donne sono le protagoniste assolute di questo romanzo: la moglie di Julius, Esme – oramai quasi sessantenne quando la incontriamo; la figlia maggiore Cressy, pianista di serie “B” che si avvicina ai quarant’anni, e la sorella minore Emma, di circa dieci anni più giovane. E un corollario di comparse importanti, che si aggiungeranno a queste tre donne e all’onnipresente e pesante figura del defunto Julius: l’ex amante e più grande amore di Esme, Felix, che dopo vent’anni torna in Gran Bretagna; Dan, un poeta pubblicato proprio dalla casa editrice per cui lavora Emma, invitato all’ultimo minuto per un capriccio della ragazza. E la servitù, composta dalla governante e dal marito giardiniere, che si prendono cura della conduzione della casa di campagna nel Sussex, e che si anima nei weekend, con l’arrivo degli ospiti.

Tutto si svolge in un weekend nella casa fuori Londra, dove vive la madre Esme, quasi sessantenne. Il ritorno in Gran Bretagna del suo ex amante Felix, ora medico, e di vent’anni più giovane, dà l’avvio a una serie di ricordi, tra riflessioni di piccoli e grandi fallimenti – e speranze che anche quando si entra nell’età d’argento, rimangono le stesse di quando si è giovani. Salvo l’aver imparato a mascherare tali pensieri e aspettative, per non perdere la faccia di fronte agli altri, siano essi parenti, amici o estranei.

Tra speranze frustrate e sogni infranti, tra cuori palpitanti e antichi rancori e segreti che durano da vent’anni, le figure di tre donne di età diversa, legate da una stretta parentela, ma soprattutto legate indissolubilmente alla figura del marito/padre, che con un gesto eroico ha trasformato la sua vita alla fine della seconda guerra mondiale: da ricco codardo a impensabile, silente e solitario eroe. E che, così facendo, trasforma inesorabilmente la vita non solo della sua famiglia, ma di diverse altre persone.

Come di consueto per quest’autrice, ottime le descrizioni degli ambienti e soprattutto la caratterizzazione dei personaggi principali, oltre ai dialoghi scritti e pensati, e la differenza tra la vita in campagna e la vita in città, parlando comunque sempre di famiglie per le quali avere personale di servitù è la norma.

Scritto con eleganza e intelligenza, un ritratto in nuce con cui l’autrice – proprio a causa delle sue dinamiche familiari e con alle spalle già una vita sentimentale movimentata – ci regala un ritratto di donne che si parlano ma non si comprendono realmente, ognuna rinchiusa nel proprio mondo, nonostante la vicinanza fisica – e questo ritratto ci viene offerto senza nascondere nulla a causa di convenzioni sociali, come invece fa intuire nel romanzo stesso.

All’Ombra di Julius è un pretesto per far capire che il passato, anche se sembra oramai solo una serie di ricordi, a volte, all’improvviso, ci esplode in faccia e ci costringe a prendere o subire delle decisioni che si erano evitate al tempo.

Per poter guardare negli occhi le persone a cui si vuole bene e con cui si vuole una seconda opportunità.

 

 

SCHEDA AUTORE

Elizabeth Jane Howar Figlia di un ricco mercante di legname e di una ballerina del balletto russo, ebbe un’infanzia infelice a causa della depressione della madre e delle molestie subite dal padre. Donna bellissima e inquieta, ha vissuto al centro della vita culturale londinese della seconda metà del Novecento e ha avuto una vita privata burrascosa, costellata di una schiera di amanti e mariti, fra i quali lo scrittore Kingsley Amis. Da sempre amata dal pubblico, solo di recente Howard ha ricevuto il plauso della critica. Scrittrice prolifica, è autrice di quindici romanzi. La saga dei Cazalet è la sua opera di maggior successo, con un milione di copie vendute. Nel 2014 Fazi Editore ha pubblicato il suo romanzo Il lungo sguardo. Di prossima pubblicazione anche i cinque volumi della saga dei Cazalet.

A cura di Marina Morassut

libroperamico.blogspot.it