Bugiarde verità




Recensione di Patrizia Argenziano


Autore: Nicola Rocca

Editore: Enneerre

Genere: noir

Pagine: 60

Anno di pubblicazione: 2019

 

 

Sinossi. Matteo e Rachele. Una coppia innamorata, un matrimonio felice, una figlia da amare. Negli anni, però, il meraviglioso equilibrio viene distrutto. Per sempre. Violenza, litigi, urla, bugie, ripicche, tradimenti e… un omicidio perfetto. Una vicenda dolorosa. Quattro persone a raccontarla. Una sola realtà. Ma infinite verità. Quale sarà quella giusta? Sempre che la verità sia soltanto una. Perchéesiste sempre qualcuno che ha in tasca una verità migliore della tua. O, semplicemente, la sa raccontare meglio di te. “Bugiarde Verità” è un racconto noir che affronta una tematica delicata come la violenza sulle donne. Lo fa in un modo nuovo, da varie prospettive, facendo emergere spunti di riflessione rischiosi da affrontare.

 

 

 

Recensione

Nicola Rocca ci delizia con un racconto alternativo, beffardamente reale, disarmante per alcuni aspetti ma indubbiamente interessante.

A raccontarci la vicenda nei dettagli, si alternano le voci di Matteo e di Rachele, ma anche di Luca e di Gaia. Una storia quindi, una realtà, che assume connotati diversi a seconda degli occhi che la osservano e dei soggetti che la vivono. Il lettore si intrufola pian piano, e pericolosamente, in ciascuno dei protagonisti, assorbendone rabbia, frustrazione e paura, perdendo di vista la sottile linea di demarcazione che separa ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, ciò che è verità da ciò che è menzogna, perdendosi così in una serie di riflessioni che lasciano, quasi, l’amaro in bocca.

La stessa realtà viene raccontata da quattro persone diverse che si conoscono, che abitano vicine, che parlano la stessa lingua, che sono accomunate da periodi di vita trascorsi insieme eppure, in apparenza, sembra non si siano mai conosciute veramente.

L’autore, con il suo estro diabolico e con i suoi altrettanto diabolici personaggi ci mette di fronte a una realtà mascherata sotto la quale si cela una diversa verità, quella che ciascun interessato vuole attribuirle, lettore compreso. Ed è pazzesco pensare come un solo gesto o un solo attimo possano condizionare l’intero corso di una vita e come possano manipolare le nostre menti fino ad un punto di non ritorno.

Il lettore può decidere quale verità condividere e a quale realtà aggrapparsi ma proverà comunque sulla sua pelle la rabbia di Matteo, la paura prima e il ribrezzo dopo, di Rachele, il desiderio di vendetta di Luca e la gelosia di Gaia, proverà un mix di sensazioni, spesso contrastanti tra loro, e ne rimarrà stordito.

Un racconto che affronta temi molto delicati, quali ad esempio la violenza sulle donne, utilizzando un sistema di lettura della realtà da più prospettive, questo non per minimizzare anzi, per scavare ancora più a fondo, per portare alla luce altre problematiche, per cercare di avere visioni più complete, per aiutarci, chissà, a riflettere e a non chiudere gli occhi.

Una lettura insolita, molto interessante per i suoi risvolti psicologici e sociali, personaggi che parlano da soli, decisamente reali, calati perfettamente nella parte, sembrano veramente in azione, splendido il colpo di scena finale. Assolutamente da leggere!

 

A cura di 

Patrizia Argenziano

www.instagram.com/patrizia.arge

 

Nicola Rocca (Scheda Autore)


Nicola Rocca nasce a Bergamo il 23 settembre 1982. Dopo la pubblicazione con due case editrici, decide di camminare con le proprie gambe, diventando un autore indipendente (con il marchio ENNEERRE) e affidando ad Amazon l’esclusiva per la distribuzione delle sue opere. Per la precisione: “Frammenti di follia “ (2013, GDS Editrice), “Chi era mio padre?” (2014, SileleEdizioni), “ La morte ha l’oro in bocca” (2015, Enneerre), “Due gocce d’acqua” (2016, Enneerre), “Il burattinaio” (2017, Enneerre), “Chi era mio padre?” (2017, Enneerre), “Frammenti di follia” (2018, Enneerre), “La casa del diavolo” (2018, Enneerre-Youcanprint).

 

 

Acquista su Amazon.it: