Crimini dell’anima






(recensione di Loredana Cilento)


Autrici:
Vera Arabino
Mariagiovanna Capone
Brunella Caputo
Gabriella Ferrari Bravo
Francesca C. Laccetti
Rosaria Vaccaro

Editore : Homo Scrivens
Genere : noir
Pagine : 160
Anno di pubblicazine :2016
 
 
Crimini dell’Anima nasce da un esperimento collettivo di sei autrici, che hanno dato vita ad un romanzo noir davvero unico nel suo genere.
Sei storie noir unite da un unico filo conduttore; un corso di scrittura, Nero dell’anima.( un corso di scrittura tenuto da Maurizio de Giovanni).

“Lo scrittore che teneva il corso ci insegnava ogni passo per
raccontare il nero dell’anima che, se coltivato, può arrivare a generare
sentimenti che conducono a un peccato”

Le sei scrittrici scavano nell’anima tormenta di sei “tranquilli” personaggi che, racconto dopo racconto, si passano, come in un’ immaginaria staffetta, il testimone per dare voce alla propria anima nera.
Tutti i personaggi seguono il corso di scrittura di un noto autore di thriller, partecipando chi per noia, chi per dare un senso alla propria vita, chi soltanto per gioco; ma non sanno che:

“Siamo tutti potenzialmente assassini”

Maria, in Il filo dell’invidia di Brunella Caputo, assistente commercialista accecata dalla gelosia, innamorata del datore di lavoro, sposato ma traditore incallito, farà esplodere la sua rabbia e le sue pulsioni lasciando dietro una scia di sangue e morte.

Attilio, in Anima e corpo di Francesca C. Laccetti
Un tranquillo archivista bibliotecario, tradito e lasciato da Stella, medita la vendetta.

Eleonora, in L’abbraccio di Gabriella Ferrari Bravo, psicologa che sogna di scrivere il romanzo della sua vita raccontando le storie dei suoi pazienti.

Concetta, di Rosaria Vaccaro, donna mediocre né bella né brutta, che non porta mai a termine nulla, per noia o perché qualcuno lo ha fatto meglio di lei, e proverà al mondo che il delitto perfetto può esistere, ma esiste anche il rimorso, e con quello ci dobbiamo convivere.

Nina in La burattinaia di Vera Arabino, affascinante, appariscente, non lascia mai nulla al caso; è subdola e calcolatrice, manipola le persone e tira i fili delle loro vite!

L’invisibile in Dieci biscotti di Mariagiovanna Capone, un anonimo addetto alle pulizie, che cova rabbia e dolore nei confronti delle donne.

Ogni personaggio ha un’anima nera tormentata e le sei autrici scrutano in questa oscura profondità tirando fuori i pensieri più torbidi per una possibile assoluzione.

Devo dire che è stata una lettura molto particolare.
Si tratta di sei autrici di grande talento, che riescono ad unire stili e personalità, mescolando il tutto e rendendo fluida la narrazione. La prosa è scorrevole, semplice ma di forte impatto emotivo.
Ogni storia a sé si collega perfettamente alle altre, storie tristi nate da momenti dolorosi.
Direi che trattandosi di un esperimento letterario collettivo, è stato eccezionale, particolare, nuovo: le storie sono un concentrato di suspense, veloci, ben costruite e soprattutto “molto noir”.
 
 
LE AUTRICI
 
Vera Arabino è nata a Salerno. Giornalista professionista, web e social writer, lavora nel campo dell’informazione, della comunicazione e dei new media.
 
Mariagiovanna Capone è nata e vive a Napoli. Giornalista professionista, scrive sul settimanale Oggi e sul quotidiano Il Mattino. È coautrice di un saggio e di alcune antologie.
 
Brunella Caputo è nata a Salerno e vive tra l’Italia e il Brasile. È regista, attrice, autrice di testi teatrali. Vicepresidente dell’associazione Porto delle Nebbie, ha pubblicato i racconti 24 ore a Rio nell’antologia Crimini sotto il sole (Novecento Editore) e I maledetti ciottoli di Paraty nell’antologia I delitti della città vuota (Atmosphere).
 
Gabriella Ferrari Bravo è nata e vive a Napoli. È psicoterapeuta, balla il tango e coltiva rose.
 
Francesca Laccetti vive e lavora a Napoli. È psicologa psicoterapeuta e musicoterapista. Ha pubblicato la raccolta di racconti Spazi inclusi (Ennepilibri), il romanzo Il girasole sulla testa (Ilmiolibro.it) e la favola fantasy Artil, Signore delle stelle con Annibale Vitiello (La Quercia Editore). Collabora con la rivista on line LadyO.
 
Rosaria Vaccaro, napoletana, funzionario dirigente in pubblica amministrazione in pensione con la passione per la scrittura e il teatro. È coautrice di alcune antologie.
 
Se siete lettori appassionati visitate:
 
https://m.facebook.com/millesplendidilibrienonsolo