Dimentica la notte




Recensione di Ilaria Bagnati


Autrice: Sara Ferri

Editore: Alter Ego

Genere: thriller

Pagine: 312

Anno pubblicazione: 2018

 

 

 

 

 

Sinossi. È decapitato. Appeso al soffitto di un locale, la posizione macabra del corpo che ricorda vagamente quella di un Cristo crocifisso. È solo un ragazzo. È la prima vittima, e forse non sarà l’ultima. A Rimini, mentre l’arrivo della primavera sta per portare via gli ultimi ricordi del freddo invernale, il caso viene affidato a Noelia Basetti, giovane ispettore di polizia. Quando, dopo pochi giorni, un altro ragazzo viene ucciso, prende corpo l’ipotesi di un serial killer, di un assassino mostruoso e smisurato, di una mente fredda divorata da un odio primordiale. In una gara spietata contro gli eventi, Noelia Basetti dovrà scandagliare il passato delle due vittime, e nel frattempo tentare di penetrare nella mente dell’omicida. Dimentica la notte è un thriller dal meccanismo narrativo impeccabile e chirurgico, un romanzo dal ritmo spietato che regala un colpo di scena dietro l’altro, un’immersione graduale eppure inevitabile negli anfratti più oscuri della mente umana.

 

 

Recensione

Finalmente la mia amata Noelia è tornata, dopo Caldo amaro la ritroviamo in Dimentica la notte. Ora è un ispettore di polizia, ha lasciato la sua città natale, Pesaro, e si è trasferita a Rimini dove l’aspettano una nuova vita, nuovi colleghi e nuove indagini.

L’evoluzione del personaggio di Noelia è sorprendente, il cambiamento in lei era già iniziato alla fine del precedente romanzo ma qui ha raggiunto l’apice. Noelia ha perso chili, è in forma, mangia sano, non esagera con l’alcol e fuma solo quando è stressata e ne sente la necessità.

Non è più la ragazza insicura di Caldo amaro, si piace e si rende conto che ha un certo ascendente sul genere maschile. Ora è anche meno spensierata e ha perso quella goffaggine che la rendeva automaticamente simpatica agli occhi del lettore, è più seria e rigida.

Quando è in compagnia e si lascia andare possiamo però ritrovare in parte quella ragazza. Comunque sia, a me Noelia continua a piacere ed essendo molto diversa dai soliti poliziotti e detective in circolazione la amo ancora di più.

Il caso che si trova ad affrontare l’ispettore nella sua nuova città è un caso complicato che mette in crisi sia lei che i suoi colleghi. Gli omicidi sono delitti efferati, compiuti da un killer spietato, meticoloso e che agisce con estrema lucidità.

Sara Ferri ha creato una trama a regola d’arte in cui ogni tassello trova il suo posto fino ad arrivare alla fine con un coup de théâtre che lascia a bocca aperta.

Non avevo capito chi era l’assassino e con il procedere della lettura ho avuto solo vaghi sospetti che si sono rivelati sbagliati.

L’ambientazione è come sempre magica per me perché conosco Rimini e gli effetti benefici della piadina che hanno su Noelia e su tutti quelli che la mangiano.                                                                                                                                                    

Ho amato questo thriller come il primo, anzi anche di più, perché se Caldo amaro è stato un grande esordio per la Ferri, in Dimentica la notte l’autrice si è veramente superata.Quindi se non avete letto il primo libro correte ai ripari e tuffatevi in questa avventura, non ve ne pentirete!

 

 

 

 

Sara Ferri (Scheda Autore)


Sara Ferri è nata a Pesaro, città in cui vive, nel 1982. Dopo le scuole superiori ha intrapreso il percorso scientifico studiando biologia, la sua vera passione. Per lavoro ha dovuto abbandonare la strada della ricerca per una mansione più remunerativa. Con la scrittura, però, ha potuto rispolverare le sue conoscenze nelle materie di cui è sempre stata appassionata. Pesaro, città da lei definita “un microcosmo”, è l’ambientazione del suo primo romanzo, Caldo amaro (Alter Ego, 2016), che si è classificato primo alla xii edizione del Concorso “IoScrivo”. Autrice di racconti, con il giallo breve Acque torbide ha vinto il Premio “Giallo Ovidio” 2018. Dimentica la notte è il suo secondo romanzo.