Girl gang




Recensione di Marcella Labianca

Autore: Ashley Little

Editore: Unorosso collana Hoboken

Traduttore: Cristiano Repetti

Pagine: 234

Genere: narrativa

Anno di pubblicazione: originale 2013 , in italiano 2015
 

 

 

 

 

“Nel Medioevo, si diceva che chi trova una rosa nera nella foresta troverà una strada nella vita, la strada di un guerriero che combatte per la libertà. È anche un simbolo dell’anarchia, affermò Mercy. “

Questa è una storia di Amore vero, Amore fraterno, Amore incondizionato.
È una storia di riscatto , di rivoluzione e di speranza.
È l’eterna lotta del Bene contro il male.
È la fortuna che capita quando non te la aspetti più.
E’ il senso, nella vita.

Leggere di questa banda di ragazzacce , pistole, violenza, sporcizia, droga, ingiustizia, mi ha fatto pensare, incredibilmente, a quanta bellezza si nasconda nel buio.
Mi ha fatto pensare a quanto poco ci voglia affinché, in un essere umano, la parte migliore schiacci la peggiore. Mi ha fatto pensare che ci sia sempre una via d’uscita e che, nonostante tutto, l’essere umano continui ad agire per istinto e l’istinto porta, sempre, lontano dal pericolo.

La girlsgang è un tutt’uno, un’ entità unica.
La girlsgang giura di darsi tutto quello di cui ha bisogno e che, soprattutto, nessuno le ha mai dato: affetto , protezione e una casa da chiamare “casa” …” per tutta la vita ” e così sarà.

Queste piccole e innocenti anime perse, vivranno da leonesse in un mondo di pecore e brilleranno come le stelle , illuminate da un’aurea di purezza nel mondo insensibile e sporco.

Dal letame nascono i fiori e cosi, dalla disperazione nascono le Black Roses , 5 amiche, 5 sorelle, 5 dita di una mano unite in un solo pugno.
Di diversa estrazione sociale, di diversa etnia ma con l’identica voglia di reagire con forza al dolore.

La violenza della vita le porterà a lottare con le unghie e con i denti per una vita migliore e vivranno unite nell’amore fraterno “per tutta la vita”.

5 fiori profumati, 5 rose belle, giovani e nere.

A Vancouver: la citta dei sogni.

 

 

 

 

Ashley Little


ha conseguito una laurea in scrittura creativa e cinematografia presso l’Università di Victoria. Il suo primo romanzo , PRICK: Confessions of a Tattoo Artist (Tightrope Books, 2011) è stato finalista per il ReLit award e opzionato per il cinema. The New Normal ( Orca , 2013) ha vinto il Sheila A. Egoff Children’s Literature Award. Terzo romanzo di Ashley, Anatomy of a girl gang ( Arsenal Pulp Press , 2013 ) , ha vinto il Premio Fiction Ethel Wilson, è stato finalista nell’importante Vancouver Book Award 2014 ed è stato opzionato per la televisione. Ashley vive attualmente nella Okanagan Valley (British Columbia, Canada) dove sta completando i suoi studi. Ambientato nelle strade della downtown East Side di Vancouver , Anatomy of a Girl Gang segue le tragiche gesta di un gruppo di ragazze di strada, profondamente turbate.

 

Acquista su Amazon.it: