I segreti di Westhill House




Recensione di Barbara Aversa Pacifico


Autore: Jess Ryder

Traduzione: Serena Tardioli

Editore: Newton Compton Editori

Genere: Thriller psicologico

Pagine: 336

Anno di pubblicazione: 2020

 

 

 

 

 

Sinossi. Quando ho posato per la prima volta gli occhi su Westhill House, collocata in quella posizione mozzafiato a strapiombo sul mare, ho capito che io e jack avremmo potuto vivere lì per sempre. Ero certa che con un po’ d’impegno sarei riuscita a riportarla all’antico splendore. E ristrutturando la casa avrei potuto aggiustare anche le cose tra me e Jack. Lui, però, è troppo preso dal suo lavoro… Se non fosse per Lori sarei già crollata. È venuta qui in cerca d’aiuto e di un posto sicuro in cui rifugiarsi, ma adesso sono io ad avere bisogno di lei. Mi dà una mano e mi tiene compagnia e insieme, poco alla volta, stiamo scoprendo i segreti di Westhill House. Come i disegni infantili coperti dalla carta da parati o gli appunti nascosti sotto le assi del pavimento. Ho il sospetto che Lori sappia molto più di quello che dice… La domanda è: perché?

 

Recensione

Stella sta provando a costruire la sua vita con Jack dopo la perdita improvvisa dei propri genitori, tutto da capo. Casa nuova, città nuova, tutto diverso. Quando una notte Lori fa un trionfale ingresso nella loro vita, e a Westhill House, chiedendo di essere accolta perché in fuga da un uomo violento, che la massacrava fisicamente e psicologicamente. Con il volto tumefatto e livido, chiede aiuto alla giovane coppia.

In parallelo viene raccontata la storia di Kay, che si staglia nel pieno degli anni 70, l’era del punk, ma anche quella in cui si tendeva a chiudere un occhio sulle violenze domestiche.

Kay diventa una giovanissima madre single della piccola Abigail a seguito di una notte d’amore, esi affanna per sopravvivere in una realtà familiare complicata e che la rifiuta; sogna l’amore romantico e di poter costruire una famiglia che la possa accettare ed amare completamente. Esoprattutto che possa amare sua figlia.

Finché incontra Foxy, che le regala fiori freschi ogni settimana, le promette il grande amore e per la gioia di tutti alla fine la sposa. Velocemente la situazione precipita, in un baratro cupo ed ostile dal quale è quasi impossibile riemergere da sola, senza alcun aiuto. Allora nasconde le ferite, soprattutto a lui, per non ricordargli il male che le ha fatto, per proteggere quello che tenta di costruire e per non sentirsi dire di nuovo che se non starà attenta finirà, prima o poi, per essere uccisa. Ma poi capisce. Capisce che non c’è nulla da salvare, se non la propria vita e così si rifugia a Westhill House.

Ed è proprio tramite Westhill House che le vite di queste donne si intrecceranno. Quando le mura non riusciranno più a tacere, quando i fantasmi emergeranno più ridondanti che mai, sarà evidente che i segreti incastrati nelle pareti non potranno che essere liberati.

E’ un libro che narra di violenze domestiche, un tema incredibilmente attuale, che risuona in tutta la sua angoscia, una pagina dopo l’altra.

Il loro terrore ti penetra nella mente. Le loro urla celate squarciano il silenzio, parola dopo parola.

Non è un libro semplice da affrontare, perché arriva, profondamente. E non c’è un modo delicato per trattare l’argomento. E’ un libro da leggere anche solo per un motivo: ogni donna nella propria vita ha avuto almeno un momento in cui è stata prevaricata, sopraffatta, terrorizzata. Come l’autrice ricorda, chi riesce ad uscirne non è una vittima ma una sopravvissuta.  

Il libro è dedicato a tutte coloro che sono sopravvissute, in un modo o nell’altro.

 

 

A cura di Barbara Aversa Pacifico

instagram.com/missparklingbooks

 

 

Jess Ryder


Ha lavorato per anni come sceneggiatrice e la sua passione è guardare serie TV poliziesche. Ha pubblicato numerosi libri di successo, molti dei quali per bambini e adolescenti, ma la sua vera passione sono i thriller. La Newton Compton ha pubblicato La ex moglie e I segreti di Westhill House.

 

Acquista su Amazon.it: