Il fiume della colpa




Recensione di Francesca Ruggeri


Autore: Wilkie Collins

Traduzione: Patrizia Parnisari

Editore: Fazi

Genere: Giallo

Pagine: 184

Anno di pubblicazione: 2018

 

 

 

 

 

Sinossi. Dopo anni di forzata lontananza, in seguito alla morte del padre, Gerard Roylake fa ritorno alla residenza di famiglia per prendere possesso della casa e delle terre ereditate. Quella che ritrova è una contea avvolta da un groviglio di misteri. L’incontro con Cristel Toller, la bellissima figlia del mugnaio, ridesta in Gerard ricordi sopiti dal tempo dell’infanzia e fa sorgere in lui una passione fatale, ma lo porta anche a imbattersi in un uomo misterioso e affascinante: tutti lo conoscono come “l’Inquilino”, un individuo sinistro che la sordità e l’isolamento dal mondo hanno reso insofferente nei confronti di quanti lo circondano. Questi, infatuato di Cristel, finirà inevitabilmente per vedere in Gerard un pericoloso rivale in amore. Un orribile delitto sta per avere luogo, oppure i timori dei protagonisti – e del lettore – sono infondati? E qual è il motivo della strana attrazione che, in segreto, sembra spingere Cristel tra le braccia dell’Inquilino?

 

 

Recensione

Wilkie Collins è stato bravissimo nel tenere viva la curiosità del lettore. «Sulle rive del peggior torrente d’Inghilterra», sono presenti, sapientemente mescolati, elementi di mistero e suspense che lo hanno reso celebre e fatto considerare il padre del genere poliziesco.

È uno strano giallo perché non c’è nessun assassino da scoprire; c’è solo da seguire il filo degli eventi che coinvolgono il protagonista Gerard Roylake, per capire quali siano i piani dell’Inquilino.

Accadrà qualcosa di orribile o nell’aria aleggiano solo timori infondati?

La fine della storia, poi, sembrerà quasi banale al lettore al punto da farlo sentire uno stupido a non aver capito prima del protagonista come si sarebbero svolti i fatti.

Qui sta tutta la bravura dell’autore, che incanta il lettore come in un gioco di prestigio, facendogli vedere solo quello che vuole che veda.

 

 

 

 

Wilkie William Collins


Wilkie William Collins è stato uno scrittore inglese, amico e collaboratore di Charles Dickens. La sua produzione letteraria, e in particolare quella fantastica, è di assoluto rilievo, ma non vi è dubbio che a tutt’oggi sia maggiormente conosciuto dal grande pubblico per i romanzi gialli . Molti suoi romanzi furono pubblicati a puntate su alcune riviste dirette dall’amico Dickens di cui sentì molto l’influenza.

 



Translate »