il gioco del suggeritore




Recensione di Francesco Morra


Autore: Donato Carrisi

Editore: Longanesi

Genere: Thriller

Pagine: 398

Anno di pubblicazione: 2018

 

 

 

 

 

 

Sinossi. La chiamata al numero della polizia arriva verso sera da una fattoria isolata, a una quindicina di chilometri dalla città. A chiedere aiuto è la voce di una donna, spaventata. Ma sulla zona imperversa un violento temporale, e la prima pattuglia disponibile riesce a giungere soltanto ore dopo. Troppo tardi. Qualcosa di sconvolgente è successo, qualcosa che lascia gli investigatori senza alcuna risposta possibile – soltanto un enigma. C’è un’unica persona in grado di svelare il messaggio celato dentro al male, ma quella persona non è più una poliziotta. Ha lasciato il suo lavoro di cacciatrice di persone scomparse e si è ritirata a vivere un’esistenza isolata in riva a un lago, con la sola compagnia della figlia Alice. Tuttavia, quando viene chiamata direttamente in causa Mila Vasqueznon può sottrarsi. Perché questa indagine la riguarda da vicino. Più di quanto lei stessa creda. Ed è così che comincia a prendere forma un disegno oscuro, fatto di incubi abilmente celati e di sfide continue. Il male cambia nome, cambia aspetto, si nasconde nelle pieghe fra il mondo reale e quello virtuale in cui ormai tutti trascorriamo gran parte della nostra vita, lasciando tracce digitali impossibili da cancellare. È un gioco, ed è soltanto iniziato. Perché lui è sempre un passo avanti.

 

 

Recensione

La mente vede ciò che la mente vuole vedere

Il suggeritore è tornato e con lui Mila Vasquez.

Scrittura scorrevole e densa quella di Carrisi, torna dopo “L’uomo del labirinto”, ci regala emozioni e riflessioni con questo suo ultimo romanzo. Omicidi efferati fanno parte di un disegno e vero gioco che la mente del serial killer, chiamato Enigma, dissemina sia nella realtà che nel mondo virtuale.

Estremamente attuale la sua riflessione su internet e i social network, ulteriore elemento che si innesta su alcuni tra i temi cari e portanti del narrare di Carrisi, ovvero la natura del bene e del male…

 

Internet è un’enorme spugna: assorbe ciò che siamo, soprattutto il peggio. Nella vita reale siamo costretti ad adattarci per convivere con gli altri, a scendere a compromessi con la nostra natura, ad accettare leggi e convenzioni. A volte dobbiamo anche indossare una maschera, ma è inevitabile: altrimenti non riusciremmo a far parte della società… In rete invece ci sentiamo liberi da tutta questa ipocrisia, ma è soltanto un’illusione:ci hanno semplicemente lasciato soli con i nostri demoni.

 

Tutto è in noi stessi, nulla è definitivo possiamo cambiare e la mente deve essere pronta a farlo per cercare di vivere giorno dopo giorno, senza paura. Tale sentimento è solo alibi e comodo freno per affrontare gli attimi della nostra esistenza.

Perché il tempo è un inganno e mentre scorre dimentica di avvertirci che sta passando.

Mila Vasquez, la protagonista affetta dal disturbo di alessitimia, si ritroverà coinvolta, suo malgrado, in una caccia al tesoro macabra che porterà lei e coloro che le sono vicini ad una crescita ed autocoscienza. Si immergerà nell’altrove usando anche allucinogeni per entrare in simbiosi con l’artificiale che si confonderà con l’empirico…

Lo scorrere delle pagine è un turbine e la lettura è agevole, riuscendo l’autore a coinvolgere il lettore che fin dall’inizio è catturato dalla trama. Aspettatevi colpi di scena spiazzanti e sferzate al comune sentire.

Cosa è il suggeritore?

Una persona che ha la capacità di cambiare le persone e in molti casi manipolandole , permette ai loro più bui desideri di venir fuori, commettendo violenza e soprusi.

La realtà virtuale è presente e protagonista nel libro con “Due”, gioco online, teatro di efferati crimini…

Due è un progetto di una realtà separata utopica, nel mondo di internet, dove ognuno assumendo le vestigia di un suo alter ego, possa dar forma e sostanza ai propri desiderata. Tale “contenitore” collasserà… Il Male non può avere camere stagne, deborda…

Pensa a un posto senza regole, dove l’unico Dio riconosciuto è l’egoismo e l’unica legge rispettata è quella del più forte.

Donato Carrisi, non lo si può definire solo uno scrittore di genere, i suoi libri sono quanto mai la prova di come la letteratura non possa essere classificata. Apostrofarlo semplicemente scrittore di thriller è solo pura comodità , è bensì molto altro. Scandaglia con i suoi scritti l’animo umano e fornisce spunti che dopo ore di lettura sedimentano nella mente del lettore.

Certo dell’autore pugliese si apprezza la perizia nella descrizione delle tecniche investigative, degli excursus e aneddoti anche storici che arricchiscono la trama e troverete elementi di criminologia ed antropologia nelle pagine del libro e fidatevi, rimarrete appagati dall’atmosfera e fino alla fine vi chiederete:

La nostra cacciatrice di ombre, temeraria e testarda porterà a termine il suo proposito?

Chi è Enigma?

Cosa è reale e cosa non lo è?

Lo scoprirete solo leggendo!

Il cuore vede ciò che il cuore vuole vedere

 

 

 

Donato Carrisi  (Scheda Autore)


Donato Carrisi: è nato nel 1973 a Martina Franca e vive a Roma. Dopo aver studiato giurisprudenza, si è specializzato in criminologia e scienza del comportamento. È sceneggiatore di serie televisive e per il cinema. È una firma del Corriere della Sera ed è l’autore dei romanzi bestseller internazionali (tutti pubblicati da Longanesi) Il suggeritore, Il tribunale delle anime, La donna dei fiori di carta, L’ipotesi del male, Il cacciatore del buio, Il maestro delle ombre, La ragazza nella nebbia, dal quale è stato tratto il film omonimo con cui nel 2017 ha debuttato nella regia cinematografica. Il gioco del suggeritore (2018) è il suo ultimo romanzo. 

A cura di Francesco Morra

https://www.youtube.com/user/Vetriera/