Il grande fuoco




(Recensione di Massimo Ghigi)


 Autore: Krysten Ritter

Editore: Sperling & Kupfer

Pagine: 336

Genere: Thriller

Anno di pubblicazione: 2018

 

 

 

Sinossi. Sono trascorsi dieci anni da quando Abby Williams se n’è andata dalla piccola città di provincia dove è nata e cresciuta. E ce l’ha messa tutta per cancellare ogni traccia delle sue origini. Adesso è un avvocato dalla carriera sfolgorante, si occupa con successo di ambiente, vive a Chicago in un appartamento ultramoderno e ha la sua collezione di fidanzati usa e getta. Il passato però riesce a farsi strada di nuovo nella sua vita, incrinandone la fragile corazza: il nuovo caso che le viene affidato la porta, infatti, in Indiana, e proprio a Barrens, il suo paese. È lì che la Optimal Plastics ha dato lavoro all’intera popolazione, ma forse a un prezzo troppo caro. È lì che le indagini di Abby sulla scarsa trasparenza dell’industria chimica riportano alla luce anche uno scandalo legato alla sua adolescenza. Un mistero irrisolto che non ha mai smesso di angosciarla: la scomparsa della sua migliore amica, Kaycee. Quella ragazza unica e geniale è fuggita verso la libertà o è rimasta vittima dei segreti di Barrens? Scavando nella propria memoria e cercando risposte a vecchie domande, Abby si trova invischiata in una pericolosa ragnatela di menzogne e silenzi. Ma la verità, che ha sempre voluto scoprire senza confessarlo neanche a se stessa, è finalmente a portata di mano. Per liberarla una volta per tutte dalle ombre del passato.

 

Recensione

Quando un personaggio noto in altri ambiti si cimenta nella scrittura di un romanzo è inevitabile un po’ di curiosità e, magari, anche un certo scetticismo; il timore che un ‘vip’ si improvvisi scrittore un po’ ce l’ho sempre (poi magari arriva uno come il compianto Giorgio Faletti a spazzare via qualunque dubbio!).

Dopo aver letto il romanzo d’esordio della bella e brava attrice Krysten Ritter, il mio responso è… non male! Diciamo che non si grida al miracolo ma si ha la consapevolezza di aver dedicato tempo a una lettura tutto sommato piacevole.

La storia che ci racconta la Ritter è assimilabile, a tratti, a un legal thriller stile John Grisham e, sotto questo aspetto, probabilmente paga un po’ pegno, nel senso che non è particolarmente originale e, anzi, in alcune soluzioni sa decisamente di ‘già letto’.

L’altra sotto-trama del romanzo è forse quella più intrigante: Abby Williams, la protagonista, si ritrova a dover tornare alla sua odiata città d’origine a fare i conti con un passato doloroso fatto di rapporti difficili con il padre-padrone e ancora più difficili con compagne di scuola bulle, e in particolare con l’amica/nemica Kaycee, idolatrata ma anche temuta per i suoi sbalzi di umore dalle conseguenze decisamente spiacevoli per chiunque le stesse intorno.

Il tasto dolente della faccenda sta proprio qui… Che fine ha fatto Kaycee?

Abby non è affatto convinta che sia partita dal paese come tutti insistono a sostenere. E questa è la parte più convincente del libro perché la Ritter ci fa partecipi del conflitto emotivo che tortura la protagonista, tra la volontà di dimenticare il passato e il senso di giustizia che la porta a voler scoprire quale sia stato il destino di Kaycee, nonché la verità su un ‘gioco’ perverso che si tramanda di generazione in generazione.

A tutto questo fanno da cornice altri eventi, come il rapporto con il padre gravemente malato, amori ritrovati e conflitti con colleghi di lavoro che dimostrano scarsa considerazione delle ‘ipotesi di complotto’ portate avanti dalla nostra eroina.

A conti fatti, ribadisco la mia impressione sul libro… bene ma non benissimo; in ogni caso, lo stile è convincente e penso che sentiremo ancora parlare di Krysten Ritter, non solo per la sua avvenenza e bravura come attrice (Marvel’s Jessica Jones è una serie che spacca!) ma anche in veste di scrittrice; personalmente aspetterò la Ritter con rinnovata curiosità.

Alla prossima!

 

Krysten Ritter


Krysten Ritter: attrice, produttrice e autrice di cinema e televisione, vive con il suo cane Mikey tra New York e Los Angeles. Attualmente è la protagonista della serie Netflix Jessica Jones, che ha ottenuto ottime critiche e un vasto seguito in tutto il mondo. Krysten ha contribuito al successo di altre serie come Breaking Bad, Veronica Mars, Blacklist. Nata e cresciuta in una cittadina della Pennsylvania, ha iniziato la sua carriera da modella a sedici anni, per poi continuare come attrice. Nel 2012 ha lanciato la sua casa di produzione, Silent Machine, in collaborazione con la Universal, con l’obiettivo di portare sullo schermo personaggi femminili interessanti. Il suo primo romanzo, Il grande fuoco, è uscito in Italia nel 2018 per Sperling & Kupfer.

A cura di Massimo Ghigi

https://www.facebook.com/wildmax.ghigi