Il tesoro dell’imperatore




(Recensione di Antonia Del Sambro)


Autore: Steve Barry

Traduttore: E. Villa

Editore: Editrice Nord

Genere: Giallo

Pagine: 446

Anno di pubblicazione: Casa Editrice Nord (31 dicembre 2010)

 

 

 

SINOSSI: Cotton Malone ex agente operativo del dipartimento di Giustizia degli Usa ha cambiato vita dopo l’attentato di Città del Messico che non è riuscito a sventare e dove è moto il giovane Cai Thorvaldsen, brillante diplomatico danese. Con l’aiuto del padre del ragazzo, un milionario assetato di vendetta e giustizia, Cotton apre una libreria di libri rari a Copenaghen, anche se il passato non lo abbandona mai così come i suoi sensi di colpa. Fino a che Thorvaldsen senior non lo ricontatta informandolo di sapere chi si nasconde dietro la morte del figlio e l’attentato di anni prima. In mezzo c’è una potentissima lobby senza scrupoli, un tesoro da recuperare e un uomo potente e corrotto da eliminare.

 

RECENSIONE: Dalle sabbie del deserto egiziano alle scogliere della Corsica, da Copenaghen alle metropoli degli Stati Uniti, Il tesoro dell’imperatore prima di essere un grande thriller è soprattutto per il lettore un vero e proprio viaggio dove si incontrano e si scontrano gli interessi degli uomini più potenti del mondo con le vendette personali e la sete di giustizia dei protagonisti.

Steve Barry è bravissimo a creare la giusta tensione raccontando anche di dolorose esperienze personali e complotti internazionali e seguendo il dipanarsi di una trama tanto complessa quanto attraente dove i personaggi si muovono seguendo sempre e solo logiche personali, ognuno ignaro che gli altri stanno tramando e lavorando per colpirlo.

La storia parte dalle scoperte e dai viaggi di conquista dell’imperatore francese ma l’azione che dà il vero inizio al romanzo si svolge, in realtà, a Città del Messico molti anni prima, quando rimane ucciso in un attentato il figlio del miliardario Thorvaldsen, Cai, un giovane e brillante diplomatico danese.

All’epoca dei fatti il bravo agente operativo del dipartimento di Giustizia degli Usa, Cotton Malone, non era riuscito a sventare l’attentato e così aveva deciso di dimettersi e cambiare vita anche con l’aiuto del padre del ragazzo rimasto ucciso che gli aveva aperto una libreria di libri rari a Copenaghen. Ora il passato ritorna prepotentemente a cercalo e a metterlo davanti a una scelta.

Il padre di Cai ha, infatti, scoperto chi c’è dietro i fatti di Città del Messico e della morte di suo figlio: Lord Graham Ashby, un losco trafficante d’opere d’arte, di recente reclutato dal Club di Parigi, una lobby di avidi speculatori europei, per scoprire dov’è stato nascosto il leggendario tesoro di Napoleone. Henrik Thorvaldsen vuole solo vendetta e chiede a Cotton di ricostruire la storia del tesoro, trovarlo prima di Ashby e mandare all’aria i piani del Club di Parigi.

Trovare il tesoro dell’imperatore, però non è affatto facile, in molti ci stanno provando fin da metà Ottocento ma nessuno ancora sembra esserci riuscito e l’unica chiave per trovarlo pare essere un enigmatico volume, citato da Napoleone nel proprio testamento e affidato al suo maggiordomo pochi giorni prima di morire. Al momento del tutto introvabile.

Cotton Malone, però, ha anche una ulteriore faccenda da risolvere perché oltre al padre di Cai, il pericoloso e corrotto Ashby è ricercato anche dal Governo degli Stati Uniti e pertanto, l’ex agente deve decidere se consumare la vendetta di anni addietro o essere fedele al suo Paese e consegnare il ricercato. In un susseguirsi di scenari e di piani narrativi, Berry costruisce un bel thriller, intenso, emotivamente coinvolgente e anche vagamente storico. Una buona lettura da tenere sul comodino.

 

Steve Berry


È da più di vent’anni uno stimato avvocato nella Camden County. Spinto da due grandi passioni, la Storia e la narrativa, agli inizi degli anni ‘90 comincia a dedicare gran parte del suo tempo e delle sue conoscenze alla stesura di romanzi e racconti. Dopo aver venduto i diritti del “Terzo segreto” (Nord, 2005) e della “Profezia dei Romanov” (Nord, 2007) in tutto il mondo, Berry si è confermato un autore di bestseller internazionali.