Il verme




Recensione di Antonia del Sambro


Autore: Fabio Mongardi

Editore: Parallelo45 Edizioni

Genere: Giallo

Pagine: 232

Anno di pubblicazione: 2018

 

 

 

SINOSSI: Una serie di omicidi di reduci dai campi di concentramento nazisti inducono un ispettore ormai prossimo alla pensione a indagare su dolorosi fatti della nostra storia recente.

 

RECENSIONE

Probabilmente non si riuscirà mai a capire fino in fondo la tragedia della Seconda Guerra Mondiale e quella dell’Olocausto che ha insanguinato e distrutto l’Europa in una spirale di follia pura, e non si saprà mai quanti sono ancora oggi gli effetti collaterali di uno dei genocidi più vergognosi che la storia mondiale ricordi.

Il giallo di Fabio Mongardi ci si avvicina solo un poco ma basta per far riflettere il lettore su quanto il Male, una volta liberato, possa continuare a nuocere e mietere vittime anche a distanza di decenni.

La maggior parte delle vicende di questo romanzo si consuma tra Ravenna e Ferrara. Più di un thriller, più di un romanzo, una vera e propria riflessione sulla malvagità umana e sulle sfumature che essa può assumere quando la ragion pura cessa di muovere pensieri e azioni.

Tra un ispettore di polizia che sta per andare in pensione e un killer che deve portare a termine il suo compito si snoda la storia di questo giallo, un romanzo cupo e realistico allo stesso tempo. Un libro che apre molti interrogativi e che porta il lettore a più di una riflessione. Quanti sono ancora i danni collaterali della follia nazista e quante sono ancora le vittime che potranno essere colpite da essa, figli e discendenti innocenti come lo erano i loro avi?

Il verme è un romanzo storico nel senso più stretto del termine, perché affronta un dramma che parte da molto lontano e che è causa di un dramma ancora più universale. Ma è anche un giallo dove si indaga, si scava, si analizza e si cerca di fermare l’assassino, tra Ravenna e Ferrara, tra le foschie della pianura e i palazzi storici delle due città. Il tutto con uno stile particolare e personale che definisce Mongardi come una vera autorità nel giallo all’italiana.

 

 

Fabio Mongardi (Scheda Autore)


Fabio Mongardi è nato e vive a Faenza. Ha pubblicato con le case editrici Mobydick, Giraldi e in Germania con la Scherz Verlag e la S. Fischer. Con Parallelo45 edizioni, nel 2015, ha dato alle stampe il romanzo inchiesta “Il caso Manzoni”, finalista al Premio Mario Pannunzio di Torino. Suoi racconti sono presenti in numerose antologie. Il romanzo “Il verme” è risultato finalista al Premio Arcangela Todaro-Faranda come inedito.