Insider




(recensione di Elisa Puntelli )


Autore: Emanuele Fardella
Editore: Leima
Pagine: 224
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione: 2016
 

 

 

” Un racconto di lucida follia in cui verranno a galla illusioni reali e saranno denunciate false verità. ” Perchè quando una cosa è sotto gli occhi di tutti non si vede.

Ma Emanuele, scrittore e protagonista al tempo stesso, è stato molto bravo a cogliere tutto ciò, a decidere di ambientare la storia nella sua città e ad utilizzare molte informazioni di carattere autobiografico. Perchè, sia chiaro, in questa storia il limite tra ciò che è reale e ciò che non lo è appare molto sottile. Quasi inesistente.

Ma partiamo dall’inizio.
Emanuele è un ragazzo giovane, che frequenta l’Università. Un ragazzo come tanti se non fosse che, sin da piccolo, aveva (già) ben chiaro quale sarebbe stato il percorso da intraprendere per realizzare il suo sogno: diventare un giornalista. Ma il tipo di giornalismo da lui scelto non era uno qualsiasi, bensì quello di denuncia.

” [ … ] anche un pò rischioso, ma che mi facesse sentire vivo e utile. Mi entusiasmava l’idea di poter riferire alla gente delle nuove scoperte su eventi misteriosi o poco approfonditi. Volevo distinguermi dalla massa, andare controcorrente; non per fare il paladino anticonformista, ma per far luce su alcuni argomenti sottovalutati. “

Un cammino per niente semplice. Ma Emanuele, ragazzo testardo e perseverante, sembra essere pronto a tutto pur di portare a compimento il suo sogno, anche mettere in pericolo se stesso. Infatti, dopo aver letto un articolo sul periodico ufficiale della Polizia di Stato, decide di concentrare la sua attenzione su un tema molto importante, anche se poco affrontato pubblicamente: il mondo dell’occulto. Più precisamente quello che riguarda le sette sataniche.

” Cos’è che spinge una persona a rivolgersi a una setta?, mi chiesi, mentre rileggevo con maggiore attenzione l’articolo. Com’è possibile adescare tutte queste vittime? Cosa si nasconde davvero nelle loro congreghe? Avrei voluto capirne di più. “

Ed è precisamente a partire da queste domande che il nostro protagonista matura la strampalata idea di entrare in contatto con una di queste congregazioni.
Sono principalmente due le domande che subito ci porgiamo:
1) Quali tipi di persone ne fanno parte?
2) Come si diventa una vittima?

Com’è possibile che una persona qualunque decida e desideri entrar a far parte di questi mondi sotterranei e spaventosi, dove chi ha la parola e chi detta le regole sono coloro che hanno il potere?
Potere acquisito nel tempo, in modo deliberatamente subdolo e criminale, e consolidato proprio grazie (e a causa) di queste stesse persone?
Allora sembra normale, e dovuto, darci una riposta. Una riposta che la nostra mente non tarda a darci, anzi. Sicuramente pensiamo che non sono persone normali quelle che entrano a far parte di quelle realtà, che decidono di abbandonarsi a quella vita. Sicuramente sono persone che hanno sofferto, che soffrono. Persone sole e cattive, magari anche prive di scrupoli.

Ed è quì che sta l’errore più grande. Un errore che siamo soliti commettere tutti.
Non si tratta necessariamente di persone “strane” o “anormali”. Si tratta bensì di persone comunissime. Persone che incontriamo ogni giorno, che salutiamo, con le quali ci attardiamo prima di rientrare a casa per scambiare due chiacchiere davanti a un caffè o a una pizza. Persone come noi.

Persone come me o come te, che stai leggendo. Chi di noi non ha mai sofferto? A chi di noi non è mai capitato di cadere nella spirale del dolore? Un amore finito male. Un lutto. Un’occasione lavorativa sfumata. Una malattia. Chi non ha mai conosciuto la sofferenza anche per solo uno dei motivi appena elencati? Ed è qua che, in molti casi, ha inizio.

Desideriamo tutti tornare a sorridere e, per farlo, spesso cerchiamo “cure alternative”. Molto spesso si tratta dell’appoggio degli amici o dei parenti. Ma, qualche volta, la ricerca può spingersi ben oltre. La casualità. La sfortuna. La persona sbagliata al momento sbagliato. E tutto può avere inizio. Può capitare veramente in un attimo, senza realmente rendersene conto fino in fondo. Fino a quando, oramai, è troppo tardi. E fare un passo indietro non è più così semplice.

E allora consiglio di leggere questo libro non tanto perché la storia può ricordare un thriller, quanto piuttosto per l’argomento trattato.

E’ un romanzo che tenta, a modo suo, di smuovere le coscienze, di aprire una breccia nella collettività e in particolar modo di aprire gli occhi alle persone che non sono abituate (e non vogliono) stare ad ascoltare storie apparentemente al limite del comprensibile, a causa della loro atrocità. Le sette non sono una realtà così distante. Come lo stesso Emanuele riporta nel libro

” [ … ] l’Italia detiene un inquietante primato europeo: è il Paese in cui le sette sataniche hanno attualmente la diffusione maggiore, con circa 8.000 congreghe e oltre 600 mila adepti. “

È inquietante, me ne rendo conto. Ma non è sufficiente girarsi dall’altra parte per far sì che ciò sia meno reale. Non è tacendo o negando che questa realtà andrà scomparendo. Emanuele Fardella lo ha capito subito e questo romanzo ne è il risultato.

 

 

 

L’AUTORE – Emanuele Fardella è nato a Palermo nel 1984. Dopo aver lavorato nel campo della musica come deejay, nel 2004 ha scritto il suo primo libro “Il Lato Occulto della Musica” diventato, con la ristampa del 2010, un vero e proprio best seller del passaparola. Reduce del successo riscontrato, nel 2011 nasce la pagina facebook “Il Lato Occulto della Musica”, pagina di approfondimento sui messaggi subliminali e sul simbolismo occulto nascosto nei video musicali. In breve tempo Emanuele Fardella diventa uno dei principali esperti italiani e la pagina facebook diventa una delle principali fonti di informazione per tutti gli appassionati dell’argomento. A marzo 2013 viene intervistato da Lucilla Agosti per il programma televisivo “Mistero” Italia Uno esponendo ed evidenziando il pericolo della setta degli Illuminati nella musica moderna. Oltre ad un’intensa attività di conferenziere scrive diversi articoli su questo tema per il Quotidiano di Informazione “Qui Europa”. Nel febbraio 2013 ha pubblicato Oltre la musica, simboli e messaggi subliminali edito da Edizioni Vita.

Se siete lettori appassionati visitate:

http://instagram.com/la_libreria_di_omega