Intervista a SERENA BALDONI






A tu per tu con l’autore

 

 

1) Per i lettori di thriller nord che non ti conosco. Parlarci brevemente  di Serena Baldoni.

Sono nata a Sarzana il 15 luglio dell’85, ho attraversato un bullismo spietato durante l’infanzia a causa del mio sovrappeso, la scrittura in cui mi sono rifugiata mi ha salvato dai disturbi alimentari sfociati in un’anoressia al limite che mi avrebbe condotto inesorabilmente alla morte se non fosse stato per questo mio appiglio e rifugio. Nonostante i miei studi psicologici la scrittura è rimasta nei miei “cassetti” fino all’età dei 30 anni, dove mi sono gettata, saltando nel rischio della pubblicazione.

2) The Camouflaged  è un romanzo fantasy e soprannaturale con una nota di  giallo. Cosa ti ha spinto a scegliere di unire questi due generi?

The Camouflaged  è un romanzo fantasy e soprannaturale con una nota di  giallo. Cosa ti ha spinto a scegliere di unire questi due generi? Inizialmente ho puntato ad una versione che si rifacesse lontanamente al thriller western che guardavo da piccola in tv con mia nonna, cavalli e misteri insomma, ma poi tutto ha assunto anche il carattere del fantasy, automaticamente …

3) Un personaggio che mi ha colpito molto del tuo romanzo è Angeliqué, la  madre di Nevet. C’è la possibilità di rivederla nel prossimo volume e di sapere  qualcosa in più su di lei?

Angeliqué farà sempre parte degli 8 volumi, ma nel terzo giocherà un ruolo importante, forse molto di più rispetto alle altre uscite.

4) C’è un personaggio che ti assomiglia, ha qualcosa della tua personalità?

Senza ombra di dubbio Nevet, a lei ho trasmesso il mio amore viscerale per i cavalli, al punto da trasformarli nell’unico mezzo disponibile in tutta Casper, assieme al mio amore per la natura, alle mie idee sulla tecnologia che avanza e che rischia tuttavia, seppur anche utile, di riportarci indietro di secoli dal punto di vista umanitario … sembriamo tutti pazzi con l’ipad o lo smartphone in mano e ci accorgiamo a stento di essere vivi talvolta…

5) Hai deciso di ambientare la vicenda del tuo romanzo nella cittadina di  Casper, nel Wyoming, in un futuro lontano ma dalle atmosfere western creando  così due immagini praticamente agli antipodi. Come mai questa scelta molto  particolare?

Vidi un film sui Mustang che popolano proprio quella zona particolare d’America e me ne innamorai … la vastità di un territorio come il Wyoming ha aperto gli orizzonti dei miei sogni… se potessi decidere di fare le valigie in questo momento e partire … sarebbe sicuramente quella la mia meta…

6) Cosa pensi del thriller nordico? Hai letto qualche autore?

Penso che sia una realtà da scoprire che non conoscevo prima, una realtà in cui m’immergerò volentieri come amante del genere per arricchire il mio bagaglio culturale di letture nordiche che mi mancano.

Inoltre penso che il sito Thrillernord ospiti una scelta vasta e ricercata di autori e romanzi selezionati, svolge un lavoro minuzioso e non posso che consigliarlo agli appassionati del genere come uno dei migliori siti dove rifornirsi di nuove letture!

Serena Baldoni

Intervista a cura di Marcella Gangemi


Di Serena Baldoni su Thrillernord:

IL LIBRO – Corre l’anno 5107, gran parte della popolazione si sposta verso le campagne, dove l’unico mezzo di trasporto sono i cavalli e la tecnologia è un lontano ricordo..