La città delle streghe






(Recensione di Marianna Di Felice)


Autore: Luca Buggio
Editore: La Corte Editore
Pagine: 392
Genere: Thriller storico
Anno di Pubblicazione: 2017

 

 

Sinossi:
Agli inizi del 1700 la politica spregiudicata di Vittorio Amedeo II porta il Ducato di Savoia in guerra contro la Francia. Laura Chevalier, cresciuta vicino a Nizza, crede di essere al sicuro fuggendo a Torino, ma scopre che la capitale del Ducato non è una città come tutte le altre. Ci sono cose di cui non si può parlare se non sotto la protezione dei santi, perché l’Uomo del Crocicchio è
sempre a caccia di anime e potrebbe essere in ascolto.

Misteriose presenze si aggirano per le viequando scende la notte, e cadaveri mutilati vengono ritrovati la mattina seguente.

Lo sa bene Gustìn, un tempo monello di strada che si è fatto le ossa fra imbrogli, furti e truffe fino a diventare
una delle spie del Duca.

Disilluso e intraprendente, è l’uomo giusto per fare i lavori sporchi, ma anche per mettersi a caccia di banditi, streghe e serial killer. Le loro vite si sfiorano mentre la città siprepara a sostenere l’assedio che deciderà i destini della guerra e del Ducato, tremando per i segni diabolici, affidandosi ai presagi celesti.

“Avvertire la presenza di un angelo è come sentire il vento tutto intorno a te. Non riesci a vedere il vento, ma lo senti, e sai che è lì. Un’anima non è mai senza la scorta degli angeli, questi spiriti illuminati sanno che l’anima nostra ha più valore che non tutto il mondo.”

Bernardo di Chiaravalle

 

Recensione:

Laura viveva felice a Villafranca con sua madre, dal passato tormentato, e il suo patrigno che le voleva un mondo di bene; niente sembrava poter scalfire la sua serenità…non aveva però fatto i conti col fatto che le trame di Re e Duchi, gli intrecci che muovono i fili del potere e le conseguenze della brama di dominio si ripercuotono tutte sul popolo.

Per questo è costretta a fare bagagli per scappare insieme ad altri verso Torino e qui dovrà rimboccarsi le maniche e fuggire i pericoli.

Gustìn un poverello che fino a poco tempo prima rubava per vivere si ritrova ad essere il braccio sinistro, visto che il destro è già occupato dal sordomuto Felice, del Conte Giovanni Battista Groppello al servizio del Duca di Savoia.

Due vite diverse che si incontrano per un attimo senza farci caso, ma che si tormentano in modi diversi per gli strani, misteriosi e stregoneschi fatti che accadono a Torino.

Omicidi, strani episodi che trovano spiegazione nella superstizione e nell’ignoranza.

Una storia sapientemente ambientata durante l’avanzata delle truppe francesi di Luigi XIV, il Re Sole, verso la Savoia e precisamente il territorio di Nizza, contro le truppe del Duca Vittorio Amedeo II. Lo scrittore si muove con maestria tra la storia e il mistero che caratterizzano Torino. Eventi inspiegabili, arcani, aleggiano sulla città allora come adesso con eventi e leggende tramandate nel tempo. Un’atmosfera perfetta che crea la giusta suspense e tiene il lettore incollato alle pagine.

 

 

Luca Buggio è nato a Torino, dove vive e lavora. Laureato in Ingegneria, è anche scrittore,regista e attore teatrale. Ha esordito nel 2009 con La danza delle Marionette. Con La Città delle Streghe, primo romanzo per LA CORTE EDITORE, ci trasporta nella Torino del 1700, inun’atmosfera che sconfina tra il gotico e il thriller, facendocela vivere in tutta la sua magia.

A cura di Marianna Di Felice

Blog: marisullealidellafantasia.