La coppia del numero 9




Recensione di Ilaria Bagnati


Autore: Felicity Everett

Traduttore: Roberta Zuppet

Editore: HarperCollins

Genere: giallo

Pagine: 259

Anno pubblicazione: 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

Sinossi. Quando Gav e Lou si trasferiscono nella villetta di fianco, Sara passa le giornate a cercare il coraggio di farsi avanti e dare loro il benvenuto. I nuovi vicini sono creativi, eccentrici, così speciali che un po’ la intimidiscono. Guadagnarsi la loro amicizia è tutt’altro che scontato, e quando accade Sara ne è ovviamente lusingata. Ma la cosa più incredibile è che a loro volta Gav e Lou vedono qualcosa di straordinario in lei e in suo marito Neil, qualcosa di autentico e che vale la pena di coltivare. In un attimo i quattro diventano amici per la pelle, organizzano spuntini di mezzanotte innaffiati da buon vino, si danno una mano con i bambini e condividono storie e segreti fino a tarda notte.  Ispirata e incoraggiata dai nuovi amici, Sara inizia ad apportare dei cambiamenti alla propria vita, lascia il lavoro che detesta, abbandona i vecchi, noiosissimi amici, si convince a ritirare i bambini dalla scuola per dare loro lezioni a casa. Ma questi cambiamenti hanno un prezzo, e ben presto Gav e Lou iniziano a pretendere cose che non hanno il diritto di chiedere, con conseguenze disastrose per tutti loro…

 

 

Recensione

Cosa siamo disposti a fare per amicizia?

Fino a che punto riusciamo a spingerci per piacere agli altri, per avere il loro consenso?

Queste e altre sono le domande che ci poniamo nel corso della lettura de La coppia del numero 9.

Sara e Neil sono una coppia come tante, con due figli, una bella casa in un bel quartiere inglese. I due sono felici e appagati da quella vita, fino a quando non incontrano Lou e Gavin, i due nuovi vicini di casa così tanto diversi da loro. Lou e Gavin sono due artisti, lei lavora nel cinema mentre lui costruisce sculture.

Hanno uno stile di vita molto diverso da quello di Sara e Neil: sono anticonformisti, non sono interessati alle apparenze, sono trasandati ma nonostante ciò riescono ad avvicinare e ad ammaliare Sara e Neil tanto da incrinare le loro convinzioni. Sara lascia il lavoro per dedicarsi alla scrittura, scarica la cara amica Carol e si fa domande sul suo stile di vita, si chiede se sia troppo borghese e conformista.

Tutto ciò che le piaceva prima ora non le piace, ha occhi solo per Lou e Gavin e il suo unico scopo è quello di passare il maggior tempo possibile con loro per diventare, insieme al marito, la loro migliore amica.

Sara e Neil investono dei soldi nel film di Lou, ritirano i figli da scuola per educarli a casa come vogliono Lou e Gavin. Tutto ciò però ha un prezzo, forse un prezzo troppo alto per Sara e Neil, ciò che accadrà scuoterà le fondamenta della loro vita, del loro matrimonio. Ne sarà valsa la pena?

Con il senno di poi, si domandò come fosse riuscita a stancarsi, come fosse diventata, da un giorno all’altro, così impaziente di distinguersi.

La coppia del numero 9 tratta un tema molto discusso in questi ultimi tempi, ossia la voglia di omologarsi a qualcuno, la voglia di piacere, la necessità di essere desiderati e ammirati dimenticandoci chi siamo veramente e cosa vogliamo.

Il bisogno spasmodico di Sara di piacere ai vicini eclissa ogni cosa, anche le necessità dei figli che soffrono le decisioni dei due genitori.

Le vicende sono raccontate dal punto di vista di Sara e il suo personaggio è davvero ben delineato. Grazie a lei scopriamo come si vive nell’ombra di qualcun altro per compiacerlo, viviamo il suo stesso tormento nell’attesa di un apprezzamento da parte degli amici, di un loro sorriso, di un abbraccio. I

l suo comportamento ricorda un po’ quello di un cagnolino che cerca di compiacere il padrone per avere una carezza o un biscottino. Nel complesso il libro mi è piaciuto, la scrittura della Everett è fluida e senza fronzoli.

Lo consiglio a chi non cerca una lettura impegnativa e avverto gli appassionati di gialli che questo non è propriamente un giallo ma comunque una lettura apprezzabile.

 

 

 

Felicity Everett


Felicity Everett è cresciuta a Manchester e ha frequentato l’università del Sussex. Dopo una carriera iniziale nell’editoria per bambini e nella scrittura freelance, che ha prodotto più di venticinque opere di narrativa e saggistica per ragazzi, il romanzo per adulti di Felicity The Story of Us è stato pubblicato nel 2011. È appena tornata da quattro anni in Australia e vive nel Gloucestershire.

 



Translate »