La ragazza in fuga






Recensione di Ilaria Murgia


 

Autore: C.L.Taylor

Traduttore: Matteo Camporesi

Editore: Longanesi

Pagine: 336

Genere: Thriller

Anno di pubblicazione: 2017

 

 

SINOSSI

Jo Blackmore sta per correre all’asilo a prendere sua figlia Elise quando una donna si avvicina alla macchina e le chiede un passaggio. Benché sia in lotta da anni con agorafobia e attacchi di panico, Jo decide di essere gentile. Una scelta che rimpiangerà pochi istanti dopo: la sconosciuta, infatti, la chiama per nome, dimostra di sapere chi è suo marito, Max, e ha con sé un guanto che sembra identico a uno di quelli della piccola Elise, di soli due anni. Lo sgradevole incontro si trasforma da un giorno all’altro in un vero incubo e la polizia, i servizi sociali e perfino il marito voltano le spalle a Jo e iniziano a sospettare di lei. Nessuno le crede, quando dice che Elise è in pericolo. In un gioco di inganni in cui niente è come sembra, Jo sa che le resta un solo modo per proteggere sua figlia: la fuga.

 

RECENSIONE

La ragazza in fuga racconta la storia della famiglia Blackmore, formata dalla madre Jo, il padre Max e la piccola figlia Elise. Una famiglia normale che vive qualche difficoltà soprattutto a causa della salute di Jo, la quale soffre da anni di agorafobia e attacchi di panico, che sono aumentati dopo la nascita della figlia Elise. Max è un giornalista che si occupa di inchieste ed è il pilastro della famiglia, un buon padre e un buon marito, sempre attento a soddisfare le esigenze di Jo.

Tutto cambia quando Jo incontra Paula, una donna che la intercetta mentre sta per salire in macchina. Paula le chiede un passaggio e nonostante la diffidenza tipica di Jo, alla fine accetta, cosa di cui si pentirà praticamente subito. La donna conosce il suo nome, quello del marito e minaccia di fare del male alla sua bambina se Max non gli ridarà quello che le ha rubato.

Jo viene colta subito dal panico e da quel momento la sua vita cambierà per sempre, lei diventerà sempre più paranoica e si sentirà sempre più minacciata. Attorno a lei nessuno sembra crederle, né il marito, né la polizia, né i servizi sociali. Quella che ci viene descritta è una madre mentalmente instabile convinta che la figlia sia in pericolo e che non trova altra soluzione che la fuga.

I protagonisti sono tutti ben delineati ed è facile immergersi nella vicenda, parteggiando per uno o per l’altro dei coniugi, ma è difficile per il lettore capire chi dei due menta e chi davvero ha intenzione di far del male alla piccola.

Jo è veramente una pazza con manie di persecuzione oppure qualcuno sta cercando di farla passare come tale?

L’autrice riesce a tenere il lettore incollato alle pagine, e quando sembra di essere vicini a capire la realtà, ecco che succede qualcosa che ci fa dubitare delle nostre certezze. Il libro è scritto in prima persona e ogni tanto appare una voce fuori campo che osserva la protagonista e i suoi movimenti, cosa che aiuta a rendere ancora più inquietante la vicenda. La scrittura è scorrevole e il libro si legge tutto d’un fiato. Non vedrete l’ora di finirlo per scoprire tutta la verità, cosa che accade solo nel finale quando tutti i pezzi finalmente torneranno al loro posto.

La ragazza in fuga è un thriller psicologico davvero all’altezza di questo nome; se cercate una lettura dal ritmo incalzante e carica di ansia e tensione, questo è sicuramente il libro che fa per voi.

 

 

L’AUTRICE  – Carol Louise Taylor, nata a Worcester, è autrice di racconti, pubblicati su riviste letterarie e femminili, che hanno vinto numerosi premi. Attualmente vive a Bristol con il compagno e il figlio. Nel 2015 Longanesi ha pubblicato Il confine del silenzio, il suo primo romanzo, che ha ottenuto un grande successo di critica e di pubblico nel Regno Unito ed è stato pubblicato in tutta Europa, e nel 2016 La ragazza senza ricordi.

 

Se sei un lettore appassionato, visita:
scaffalidaleggere.wordpress.com