La settima piaga




(Recensione di Sara Ferri)


Autore: James Rollins

Traduttore: P. Falcone
Editore: Editrice Nord
Collana: Narrativa Nord
Pagine: 450 p., Rilegato
Genere: Giallo/avventura
Anno di pubblicazione: 2017

 

 

Trama.

Egitto, 1324 a.C. Il nemico è vicino. Arriva dalle stesse terre da cui il suo popolo era scappato per sfuggire alla sete di vendetta del faraone. Ora la sacerdotessa ha una sola preoccupazione: assicurarsi che nessuno scopra il dono che la sua gente aveva ricevuto da Dio, una benedizione nascosta nel cuore di una maledizione…

Londra, 1895. Un amuleto che, secondo la leggenda, contiene le acque del Nilo tramutate in sangue dalla furia del Signore: gli indigeni non hanno mai osato toccarlo, convinti che quell’oggetto fosse portatore di sventura, ma gli scienziati della Royal Society non temono simili superstizioni e lo aprono. Nel giro di pochi giorni muoiono tutti fra atroci sofferenze… Il Cairo, oggi. Nel deserto del Sudan viene rinvenuto il corpo di Harold McCabe, archeologo scomparso due anni prima.

Durante l’autopsia, i medici si accorgono che l’uomo è stato mummificato mentre era ancora in vita e che il suo cervello emette uno strano bagliore rosato. Dopo poche ore, il personale entrato in contatto col cadavere di McCabe cade vittima di una misteriosa malattia e, per contenere il contagio, le autorità chiedono aiuto alla Sigma Force. Painter Crowe e Grayson Pierce si recano immediatamente sul posto, senza sapere che è iniziata la caccia a un segreto antico e pericoloso che potrebbe decimare la popolazione mondiale. Dall’Egitto al Circolo Polare Artico, dall’Inghilterra al Ruanda, Painter e i suoi uomini saranno coinvolti in una corsa contro il tempo per fermare una catastrofe di proporzioni bibliche…

 

 

RECENSIONE

Anche questa volta James Rollins ci regala una storia incalzante che tiene il lettore incollato alle pagine.

Si parte dall’antico Egitto, per poi arrivare nella Londra di fine Ottocento, dove il fermento scientifico è ai massimi livelli, fino a giungere ai giorni nostri, dove, tra il Cairo e il Canada si decideranno le sorti della popolazione mondiale.

Dalle piaghe bibliche, da molti considerate semplici superstizioni dell’epoca, un antico flagello risorgerà per portare distruzione e devastazione tra le persone.

La Sigma Force è ormai un gruppo affiatato e che piace al lettore appassionato dei libri di Rollins.

I suoi personaggi, con i loro caratteri ben delineati e le loro azioni che a volte sfociano nell’assurdo, riescono comunque ad attrarre il lettore fino alla fine.

Ammetto di aver desiderato innumerevoli volte che, da un libro di Rollins, venisse tratto un film ed è stato così anche per “La settima piaga”, che stuzzica l’immaginazione del lettore con i paesaggi, veri e inventati che si ritrovano tra le pagine.

 

 

 

James Rollins


Laureatosi nel 1985 all’Università del Missouri, James Rollins è stato per vari anni un apprezzato veterinario.
A un certo punto della sua vita ha deciso di anteporre al lavoro le sue tre grandi passioni: la speleologia, le immersioni subacquee e, soprattutto, la scrittura.
Fin dal suo esordio, si è dimostrato una delle voci più nuove e convincenti nel campo del romanzo d’avventura.
Suoi Amazzonia (2004), Artico (2005), La mappa di pietra (2006), L’ordine del sole nero (2007), Il marchio di Giuda (2007), La città sepolta (2008), L’ultimo oracolo (2009), La chiave dell’apocalisse (2010), L’ombra del re(2010), L’altare dell’Eden (2011), La via d’oro (2011), Il teschio sacro (2011), L’ultima eclissi (2012), Il risveglio della sfinge (2012), L’eredità di Dio (2012), L’occhio dell’inferno (2013), Orizzonte di fuoco (2014), Estinzione(2014), Labirinto d’ossa (2016), La chiave dell’apocalisse (2017), L’ultimo oracolo (2017), La settima Piaga (2017). I suoi romanzi, pubblicati in Italia da Nord, sono tradotti in più di quaranta lingue.

 



Translate »