La stanza degli ospiti






(recensione di Valentina Marcis)


 

 

Autore: Chris Bohjalian
Editore: Elliot
Pagine: 318
Genere: Thriller
Anno pubblicazione: 2016
 
 
Ciò che colpisce particolarmente in questo nuovo libro di Chris Bohjalian è la tecnica narrativa: l’autore abilmente passa da un racconto in terza persona ad una narrazione da parte di uno dei personaggi.
A volte le parole escono dalla bocca della piccola Melissa, la figlia del protagonista che a nove anni si trova a conoscere il lato oscuro degli uomini, talvolta da quella della giovane Alexandra una diciannovenne Armena che già da piccola venne costretta al mondo della prostituzione.

Ed è proprio la parte narrata da Alexandra la parte in cui Bohjalian dà il meglio di sé: riesce a raccontare alla perfezione la vita della ragazza, aprendo una riflessione sul mondo della prostituzione e sui suoi riflessi sulla vita di tutti i giorni, inserendola nel corso della vicenda che comincia da un addio al celibato in cui vengono uccise due persone.
Sebbene non si tratti del classico thriller in cui padroneggiano fiato sospeso e suspance, questo romanzo non delude, anzi, il fatto di proporre il punto di vista dei diversi protagonisti e la descrizione delle loro sensazioni non annoiano ma trattengono piacevolmente l’attenzione.
 
 
L’AUTORE – Chris Bohjalian, di origini armene, è autore di quindici romanzi, molti dei quali best seller tradotti in venticinque lingue e trasposti al cinema. Le ragazze del castello di sabbia, dedicato al massacro degli armeni, è stato numero uno nella lista dei “New York Times best seller” e segnalato nell’Oprah’s Book Club. Vive nel Vermont con la moglie e la figlia.

Acquista su Amazon.it