L’altro lato del sole




Recensione di Viviana Calabria

Autore: Francesca Petroni

Editore: La Corte editore

Genere: romanzo

Pagine: 232

Anno pubblicazione: 2016

 

 

 

 

L’altro lato del sole racconta la storia di Ginevra, una ragazza di 18 anni che sta per finire il liceo e prepararsi al futuro. Potrebbe sembrare una giovane donna come tante, ma quella descritta dall’autrice è una persona completamente allo sbando, che sopravvive, tra droga e alcool, serate in discoteca e qualche presenza a scuola per non perdere l’ultimo anno, quello che le permetterebbe di accedere alla sua libertà e, magari, indipendenza economica e familiare.
Ha un padre che gioca d’azzardo, si ubriaca e la picchia, una madre che la ha abbandonata e nessuna speranza di cambiare la sua situazione. Per racimolare qualche soldo in tasca per mangiare, Ginevra inizia a prostituirsi: “prendi i soldi e scappa” è il suo motto di incoraggiamento. In mezzo a tutta questa desolazione arriverà un ragazzo, Alexis, bello ma diffidente, che si scoprirà essere molto diverso da Ginevra, con qualche stranezza di troppo ma anche lui solo, alla deriva.

Il loro incontro e ciò che nascerà, permetterà ai protagonisti di superare e rimarginare le ferite, donandogli la gioia di vivere e di raggiungere importanti obiettivi.Una scrittura giovane e scorrevole quella della Petroni, attenta a non cadere nel patetismo, facile per un tema già scandagliato in molti libri. Apprezzabile la volontà di affrontare violenze e difficoltà reali dei giovani di oggi, mettendo in luce la loro fragilità, il loro bisogno di una guida e soprattutto che una via di fuga da tutto esiste.

 

 

Francesca Petroni


vive a Roma, è laureata in Giurisprudenza e ha un master in Management Marketing. Adesso lavora in una multinazionale che si occupa di giochi. In passato ha praticato a livello agonistico le arti marziali e ora è anche mamma di due splendidi bambini: Luna e Ludovico. Ha pubblicato “L’altro lato del sole” (La Corte editore, 2016), “Quando arriva la notte” (La Corte editore, 2017) e “Livia” (Le Mezzelane, 2017).