L’imperfetta meraviglia




(recensione di Simona Vallasciani )


 

 

Autore: Andrea De Carlo
Editore: Giunti
Pagine: 368
Genere: Narrativa
Anno pubblicazione: 2016
 

In “L’imperfetta meraviglia”, il nuovo romanzo di Andrea De Carlo, scrittore, regista, musicista, pittore, fotografo italiano autore di enormi successi editoriali come “Treno di panna” e “Uccelli da gabbia”, troviamo due protagonisti; come due sono i gusti di gelato nell’enorme cono impresso in copertina.

Lei: Milena Migliari, italiana originaria di Verona, idealista e con la testa continuamente tra le nuvole, migrata all’estero per aprire una gelateria, fissata con i prodotti naturali del territorio e con le citazioni famose, che ricerca e trascrive appositamente ogni sera in rettangoli di carta che arrotola e attacca con del filo rosso ad ogni confezione di gelato da un chilo. Vive con la sua compagna Viviane, una massoterapista concreta e responsabile, impegnata della scrittura di un libro che illustra in suo rivoluzionario metodo curativo.

Lui: Nick Cruickshank, rock star anglo-irlandese di mezza età, front man di una band di fama internazionale, i Bebonkers, continuamente bisognoso di attenzione e di affetto, due cose che sua madre, un inglese tutta di un pezzo, non mai stata propensa a dargli, spingendolo così ad intraprendere una professione che lo mettesse il più possibile sotto i riflettori. Due matrimoni e cinque figli alle spalle, al momento è fidanzato con Aileen, una giovane stilista iperattiva ed intraprendente, impegnata in un progetto di moda di enorme successo
Non avrebbero proprio nulla in comune, se non fosse per fatto che entrambi abbiano casa nel pressi di Fayence, cittadina della regione di Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Ha tutto inizio un mercoledì, esattamente il 18 Novembre 2015, anno incredibilmente buio per la Francia in seguito ai terribili atti terroristici che hanno scosso il paese.
Quella mattina di autunno un lungo blackout che ha colpito tutta la circoscrizione ha messo in vera difficoltà Milena, che cerca disperatamente di trovare un modo per salvare tutto il suo lavoro alla gelateria. È praticamente sul punto di vedere i suoi amati gelati, che ha realizzato con così tanto impegno e dedizione, finire nella spazzatura, quando una chiamata improvvisa le cambia completamente la giornata.
Si tratta proprio di Aileen che, dopo aver letto una bellissima recensione su un blog alla moda, decisa a non poter assolutamente rimanere indietro per quanto riguarda le tendenze, la contatta e le ordina ben dieci chili di gelato, da consegnare immediatamente alla proprietà di Nick Cruickshank, un enorme residenza immersa in un immenso parco che la nasconde da ogni sguardo indiscreto.
Dal primo momento in cui la vede, Nick sembra subito colpito da Milena, ma é quando assaggia il suo gelato che avviene la vera magia, che lo spinge ad andare da lei e scoprire quanto in realtà anche se sembrano due assolutamente opposti, siano incredibilmente simili.

Entrambi non hanno mai messo radici in alcun luogo, per mancanza di occasione o perché non fa proprio parte del loro essere; entrambi sono imprigionati in una vita che ormai non li gratifica più; Nick, circondato da persone con la quale gli sembra di non avere più nulla in comune, come Wally, il bassista del suo gruppo con cui in passato ha condiviso tutto ma che ora reputa solo come un provinciale ottuso pieno di sé che ha fatto fortuna solo grazie al talento di altri, o la stessa Aileen, nella quale prima gli sembrava di aver trovato tutto quello che cercava ma sulla quale adesso continua a farsi domande, chiedendosi soprattutto se quello che lei può offrirgli gli potrà bastare, adesso o in futuro; Milena, soffocata da una relazione anticonformista con una persona che il suo completo opposto, che la riprende in continuazione per il suo modo di fare e quello di essere, che non concepisce le sue passioni e che l’ha praticamente costretta ad intraprendere con lei l’iter per avere un bambino tramite fecondazione assistita, un passo decisamente troppo grande per una persona abituata a vivere alla giornata ed incapace a pensare a qualcosa di duraturo come è lei; entrambi reprimono la voglia di seguire i proprio sogni (e non quelli degli altri) e di dare una scossa alla propria vita. E in soli tre giorni in qualche modo ci riescono, buttando all’aria non solo le loro esistenze ma anche quelle delle persone che li circondano.

Un romanzo incredibilmente piacevole, che con il suo ritmo lento ma mai banale, entra nella testa del lettore, spingendolo a tornarci sopra e girare una pagina dopo l’altra per capire come potrà andare a finire.
Impariamo a conoscere i personaggi un po’ per volta, approfondendo le varie parti di loro un capitolo alla volta, un po’ come le persone. E in effetti i due protagonisti sono incredibilmente reali, con i loro difetti, le loro scelte e le loro molteplici domande che fanno sì che il lettore prenda quasi il loro posto, cercando di trovare le risposte.
“L’imperfetta meraviglia” non parla di una storia di amore, ma di una storia d’incontro; l’incontro tra due “fiamme gemelle”, due anime identiche tenute separate che si riuniscono, si riconoscono e dopo il loro ricongiungimento non sono necessariamente più quelle di prima.
È un libro che vuole insegnare, vuole farci capire come nelle situazioni difficili nella nostra vita, quando ci si trova ad una specie di bivio, in qualche modo si possa andare oltre e vedere che ci può sempre essere una terza possibilità, che infondo ogni meraviglia è imperfetta, perché è effimera, dura un attimo e poi sparisce nel nulla, e di conseguenza ogni imperfezione è solo uno strano caso di meraviglia.

L’AUTORE – Andrea De Carlo è nato a Milano, dove è cresciuto. Dopo essersi laureato in Storia contemporanea ha viaggiato molto, vivendo per lunghi periodi negli Stati Uniti e in Australia. Il suo primo romanzo, Treno di panna, è stato pubblicato con un’introduzione di Italo Calvino. Ha lavorato con Federico Fellini e Michelangelo Antonioni, diretto il cortometraggio Le facce di Fellini e un film tratto dal suo primo romanzo. Ha scritto con Ludovico Einaudi i balletti Time Out e Salgari. Ha registrato due cd di sue musiche, Alcuni nomi e Dentro Giro di vento. I suoi romanzi, venduti in milioni di copie e tradotti in ventisei paesi, sono: Treno di panna, Uccelli da gabbia e da voliera, Macno, Yucatan, Due di due, Tecniche di seduzione, Arcodamore, Uto, Di noi tre, Nel momento, Pura vita, I veri nomi, Giro di vento, Mare delle verità, Durante, Leielui, Villa Metaphora, Cuore primitivo.

Se siete lettori appassionati visitate questo blog:

http://ilbacioirlandese.blogspot.it/