L’imputato




Recensione di Leonardo Di Lascia

Autore: Eleonora Carta

Editore: Newton Compton

Pagine: 513

Genere: Thriller

Anno Pubblicazione: 2016

 

 

 

 

 

 

«Ti prego vieni subito. La vogliono uccidere. Vieni al Cimitero degli Impiccati».

È una giornata come tutte le altre quando l’avvocato Anna Ferrari riceve questa telefonata da uno sconosciuto. Poche parole, in un italiano incerto, che però Anna non se la sente di ignorare.
Si precipita al cimitero, ma quando arriva ormai è troppo tardi: a terra giace il cadavere insanguinato di una donna.

Le indagini scattano immediatamente e portano all’arresto di un ragazzo marocchino che si trovava nei pressi della scena del delitto e aveva addosso tracce di sangue. Nonostante le apparenze Anna decide di fidarsi di quel ragazzo che lavora da tempo al mercato, non ha precedenti e si professa innocente.

Inizia così a indagare a fondo, ma presto è chiaro che le sue ricerche danno fastidio a qualcuno… Qualcuno che preferirebbe chiudere la questione facendo ricadere la colpa dell’omicidio su un imputato perfetto…

Il libro di Eleonora Carta è davvero interessante per le tematiche di stretta attualità di cui tratta.
Infatti le indagini che vedono come protagonista l’avvocato Ferrari portano ad una pista in cui esoterismo, misticismo e religione islamica si intrecciano, rendendo l’atmosfera del racconto molto misteriosa.
Proprio la componente religiosa è il punto forte della narrazione perché analizzata con un approccio particolare che sottolinea ambiguità e aspetti oscuri dell’islam ma che non ha alcun intento critico.

Per questo “L’imputato” è un libro che bisogna leggere e dal quale ci si deve far condurre verso un finale del tutto inaspettato che porta il lettore ad attendere con ansia le prossime avventure di Anna Ferrari, Giovanni Rizzo e Cesare Sermonti.

 

 

 

Eleonora Carta


È nata nel 1974. Ha sempre creduto che sarebbe diventata un avvocato, ma alla fine degli studi universitari ha capito che i palazzi di giustizia non facevano per lei. Vive tra Torino e la Sardegna. Per la Newton Compton ha pubblicato il romanzo L’imputato e il racconto Ultima notte nella vecchia casa, incluso nell’antologia Delitti di capodanno. Delitto al museo è stato pubblicato in precedenza con il titolo La consistenza dell’acqua.