Marina Di Guardo




Marina Di Guardo (Intervista a Marina Di Guardo )Di origini siciliane, ma cremonese di adozione ha lavorato molti anni nella moda prima di dedicarsi alla scrittura. Tra i suoi libri: L’inganno della seduzione (Nulla Die 2012), Non mi spezzi le ali (Nulla Die 2014), Bambole gemelle (Feltrinelli), Com’è giusto che sia (Mondadori  2017) e La memoria dei corpi (Mondadori  2019).

 

Di Marina Di Guardo:

IL LIBRO – Dopo Com’è giusto che sia, Marina Di Guardo ci regala un nuovo, sorprendente thriller, un meccanismo aorologeria dalle tinte rosso scuro di Basic Instinct, un tuffo nei luoghi oscuri che si annidano in ognuno di noi…

 

IL LIBRO – La protagonista principale, Dalia, ha solo 22 anni, ma ha alle spalle una vita difficile e un pessimo rapporto nei confronti del genere maschile. Il padre la abbandona ancora prima che lei nasca e cresce sola con la madre, la quale rischia di morire a causa di una relazione con un uomo violento…