Olivier Truc




Olivier Truc – Dopo essere diventato giornalista si trasferisce nel 1994 a Stoccolma dove lavora come corrispondente per testate come Le Monde e Le Point. Nel 2006 pubblica L’Imposteur, biografia romanzata di un francese scampato dai Goulag. Raggiunge il grande successo con il suo secondo libro L’ultimo lappone (“Le dernier lapon”) che racconta le avventure di un poliziotto sami, che gli permettono di vincere il premio come Quai du polar e prix Mystère de la critique nel 2013. A questo romanzo viene dato nel 2014 un seguito con Lo stretto del lupo (“Le détroit du loup”).

 

Di Olivier Truc su thrillernord:

IL LIBRO – L’inverno è alle porte tra i pascoli di renne all’ombra della Montagna rossa, nella Lapponia svedese. Sotto una pioggia che scende incessante da giorni, gli allevatori del clan Balva devono completare la soppressione annuale del bestiame, prima che la tundra si copra di ghiaccio e neve, e parallelamente difendere dinanzi alla corte suprema il diritto alla terra dei sami, il popolo lappone, contro le rivendicazioni dei proprietari dei boschi. Ma il rinvenimento di uno scheletro umano senza cranio cambia le carte in tavola, costringendo il capo del Balva, Petrus Eriksson, a contattare la polizia delle renne per l’identificazione…

 

 

IL LIBRO – Un libro nordico diverso dagli altri dove le tradizioni e il folklore vengono fuori prepotentemente, sembra di essere catapultati in un mondo molto lontano dal nostro, dove la pastorizia delle renne è la base della vita e l’unica forma di sostentamento…



Translate »