S.S. Van Dine




 

S.S. Van Dine, pseudonimo di Willard Huntington Wright (Charlottesville, 15 ottobre 1887 – New York, 11 aprile 1939), è stato uno scrittore e critico d’arte statunitense, noto autore di gialli. Wright iniziò giovanissimo ad occuparsi di critica letteraria, specializzandosi poi come esperto di arte e avviando collaborazioni con giornali e riviste. Nel 1912 fu nominato editor del periodico letterario The Smart Set, grazie a cui divenne dapprima conoscente e poi intimo amico di importanti figure. È del 1916 “The Man of Promise”, il suo primo e unico romanzo non a carattere poliziesco: il libro ottenne buone critiche, ma non ricevette quel successo nel quale lo stesso Van Dine confidava. Costretto a robuste terapie mediche per gravi problemi di salute e vessato da fortissimi problemi economici, Wright decise di approfondire il genere letterario poliziesco fin quando non si sentì in grado di potervisi cimentare a sua volta, progettando di scrivere una trilogia da cui trarre i guadagni necessari a riprendere l’attività di studioso. In realtà in anni recenti si è scoperto, come indica la biografia di Loughery, trattarsi di una pesante dipendenza da droghe di ogni genere, delle quali era sempre stato indefesso sperimentatore. Scelse lo pseudonimo “S.S. Van Dine”, S.S. era l’abbreviazione di Smart Set, il nome della sua vecchia rivista, mentre “Van Dine” rappresentava un omaggio al pittore Antoon van Dyck col quale Wright aveva una certa somiglianza di tratti, e creò così il personaggio di Philo Vance: esteta, intellettuale, studioso di psicologia, cultore d’arte e molto altro, Vance è un personaggio strettamente legato al concetto nietzschiano del “Superuomo”. Il successo di vendita dei primi cinque romanzi a nome Van Dine fu tale da consentire alla casa editrice Scribner’s di superare indenne la grave crisi economica del 1929. Wright divenne ricchissimo per la prima volta in vita sua e finì per adottare uno stile di vita non molto dissimile da quello del suo ormai celeberrimo personaggio. I suoi tormenti interiori, associati a un pessimo carattere e alla consapevolezza di non poter più tornare a occuparsi dei suoi prediletti studi di arte e letteratura perché il mercato continuava a richiedere romanzi e sceneggiature a nome Van Dine, lo spinsero ben presto a tuffarsi di nuovo nella droga e nell’alcol. Minato nello spirito e nel fisico Wright scomparve nel 1939 per problemi di cuore e circolazione, lasciando gli avanzi di un enorme patrimonio che aveva via via largamente intaccato, una preziosissima raccolta di opere d’arte e un ben avviato allevamento di terrier scozzesi. A Wright si devono inoltre le famose “Venti regole per scrivere romanzi polizieschi” (Twenty Rules for Writing Detective Stories) che intendevano stilare una casistica del genere a beneficio di autori e lettori, “The World’s Great Detective Stories”, una corposa antologia la cui lunga prefazione costituisce ancora oggi un testo fondamentale, seppure datato, nella storia della critica del giallo. Da Philo Vance, suo personaggio più famoso, la RAI ha tratto nel 1974 una miniserie televisiva intitolata appunto Philo Vance e interpretata da Giorgio Albertazzi. Mentre negli Stati Uniti d’America l’interprete dei films con protagonista Philo Vance sarà soprattutto William Powell.

 

 

 

Di S.S. Van Dine:

Sinossi. In casa Coe è in corso una terribile tragedia: Archer, collezionista d’arte orientale, viene trovato morto nella propria stanza ermeticamente chiusa dall’interno…

 

Sinossi. Alvin H. Benson siede in poltrona nel soggiorno della sua lussuosa residenza, le gambe accavallate, la testa poggiata contro lo schienale, un libro ancora stretto nella mano destra. Una posizione talmente naturale che ci si aspetterebbe quasi di vederlo alzarsi in piedi da un momento all’altro…