Sara Ferri




 

La scrittrice emergente Sara Ferri nasce il 5 maggio 1982 a Pesaro, città da lei definita “un microcosmo”. Dopo le scuole superiori ha intrapreso il percorso scientifico studiando Biologia Molecolare, la sua vera passione. Per lavoro ha dovuto abbandonare la strada della ricerca per una mansione più remunerativa. Con la scrittura, però, ha potuto rispolverare le sue conoscenze nelle materie di cui è appassionata: chimica, fisica e biologia. Pratica equitazione e sci, sport che ha iniziato in tenera età. Si considera un’estimatrice del vino e un’amante quasi ossessiva della musica. Caldo amaro è la prima opera di Sara Ferri. Un giallo introspettivo che scava tra i meandri più torbidi di una città che da molti è considerata un’isola felice. Il libro Caldo amaro si è classificato primo al concorso IoScrivo. Fa parte della REDAZIONE di thrillernord.it.

 

 

Di Sara Ferri:

IL LIBRO – È decapitato. Appeso al soffitto di un locale, la posizione macabra del corpo che ricorda vagamente quella di un Cristo crocifisso. È solo un ragazzo. È la prima vittima, e forse non sarà l’ultima. A Rimini, mentre l’arrivo della primavera sta per portare via gli ultimi ricordi del freddo invernale, il caso viene affidato a Noelia Basetti…

 

IL LIBRO – Noelia Basetti ha ventotto anni, vive a Pesaro e lavora in un laboratorio di analisi. È insoddisfatta di se stessa e della sua vita; vive ancora con il padre, non ha una relazione fissa e fisicamente non si piace. Ha qualche chilo di troppo, beve, fuma e mangia in modo smodato. Tutto questo non le va bene, vuole dare una svolta alla sua vita…