Serie tv imperdibile: Dexter




 

È una serie televisiva statunitense prodotta dal 2006 al 2013 e trasmessa in prima visione negli Stati Uniti da Showtime. La storia ruota intorno al personaggio di Dexter Morgan, all’apparenza un tranquillo e metodico tecnico della polizia scientifica di Miami, in realtà un feroce e spietato serial killer, che però agisce seguendo un proprio rigoroso codice: uccidere soltanto criminali che sono sfuggiti alla giustizia. Solo per quanto riguarda la prima stagione, la serie è basata sul romanzo La mano sinistra di Dio di Jeff Lindsay. Esistono anche altri libri sul personaggio, sempre dello stesso autore, che seguono però una diversa continuity rispetto alla serie. In Italia la serie ha debuttato in prima visione l’11 ottobre 2007 ed è stata trasmessa sul satellite da Fox Crime e FX, e in chiaro da Italia 1, Cielo e Rai 4.

 

 

 

 

Trama

Rimasto orfano all’età di tre anni, Dexter viene adottato da Harry Morgan, sergente della polizia di Miami. Dopo aver scoperto che Dexter ha iniziato a uccidere degli animali, Harry capisce che il figlio è un sociopatico e un potenziale serial killer; cercando di evitargli un futuro in carcere o sulla sedia elettrica, gli insegna a incanalare i suoi impulsi violenti verso chi “se lo merita”, ovvero tutti quei criminali che in un modo o nell’altro sono riusciti a sfuggire alla giustizia. Secondo il codice di Harry, che Dexter segue alla lettera, le sue vittime devono essere esclusivamente assassini, stupratori, pedofili e tutti coloro che potrebbero rivelarsi pericolosi per la società. Inoltre Harry insegna al figlio a costruirsi una facciata per apparire normale e innocuo agli occhi degli altri e a sfuggire egli stesso alle indagini della polizia. Una volta cresciuto, l’attrazione per il sangue, che si evince dai “trofei” che preleva alle sue vittime, porta Dexter a diventare un tecnico forense nell’analisi delle tracce ematiche lavorando così insieme alla sorellastra Debra, diventata agente di polizia come suo padre, presso la polizia di Miami. Come parte del suo progetto di mascheramento, Dexter frequenta Rita, una donna separata con due figli piccoli, Astor e Cody. Sebbene sia un sociopatico, inizialmente incapace di provare genuini sentimenti, in realtà ha a suo modo un rapporto di sincera amicizia con amici e colleghi, in particolare con Debra a cui è molto legato.

 

Personaggi e interpreti

 

 

Se cercate un thriller che sia anche un noir, ma soprattutto un CULT, DEXTER è la scelta giusta.
Cosa volere di più da un sanguinario assassino che uccide soltanto i cattivi e nei modi più crudeli e sanguinosi immaginabili?

Dexter è insospettabile. Sa bene, come non farsi scoprire. Lavora nella scientifica, e sua sorella è una poliziotta. Ha accesso ai casi, e sa esattamente chi colpire. Ha quasi l’imbarazzo della scelta. Ma non è un giustiziere qualunque. Lui ha bisogno, di uccidere e ha trovato il modo di farlo “ripulendo” la città.

Nell’assolata Miami, nessuno penserebbe che un ragazzo così timido e innocente possa trasformarsi occasionalmente in un serial killer. Eppure è così.

La serie TV “Dexter” è andata in onda dal 2006 al 2013.

Tutte le otto stagioni sono intriganti, tese, geniali, e in qualche modo perfino divertenti. Sebbene la metodica dei delitti sia simile, il personaggio evolve, cambia, matura. Migliora? Non si può dire, fino alla fine. E forse nemmeno alla fine. Godetevi questa serie senza pregiudizi. E’ proprio il protagonista a calarci nel suo mondo e a farcelo rendere “accettabile” dal suo punto di vista.

Una vera e propria visita nei labirinti tortuosi del suo cervello, che ci racconta non solo quello che fa, ma più sottilmente, il disagio e la paranoia, la difficoltà di mantenere una doppia vita, di gestire rapporti e affetti, accettando se stesso per quello che è. Dexter si mette in gioco continuamente, ma non riesce a gestire mai fino in fondo i propri impulsi, che lo metteranno in pericolo in continuazione.

Essere scoperto è la sua più grande paura, almeno all’inizio. Poi entreranno in gioco i rapporti personali, e tutto si farà ancora più complicato. Siamo dalla sua parte, fino in fondo. E non perché uccide i cattivi, ma perché racconta il disagio di vivere nella propria pelle, e la paura di non essere accettato per quello ciò che si è.


 

A cura di Cristiana Di Palma

Cristiana Di Palma è nata e vive a Roma. Dopo la raccolta di racconti “Red Junction”, “Dark room” è il suo secondo libro.

 

 



Translate »