Storia nera di un naso rosso



storia nera di un naso rosso alessandro morbidelli

Recensione di Leonardo Di Lascia

Autore: Alessandro Morbidelli

Editore: Todaro

Collana: Impronte

Anno: 2017

Genere: Noir

Pagine: 170

 
 

 

 
 

 

 

Prima o poi nella vita, a tutti noi capita di “mettere un naso rosso”, per apparire diversi da come si è in realtà; è una forma di difesa, per proteggerci dagli altri.

Alessandro Morbidelli, invece, nel suo libro non si nasconde, anzi, tira fuori il meglio di sé. In “Storia nera di un naso rosso” vengono passati in rassegna tutti i sentimenti che un essere umano può provare: la tristezza che si percepisce tra le corsie del reparto di oncologia dell’ospedale dove il dottor Angelo Cantiani e i suoi colleghi lavorano, e dove loro, infilandosi il naso rosso, diventano clown di corsia e alleviano le giornate dei bambini, in particolar modo di Mircea; e poi l’ Amore inteso in tutte le sue accezioni, dal sentimento che il dottor Cantiani prova per le sue donne e per il suo lavoro, all’amore che prova una madre per il proprio figlio: è il caso di Ana, madre di Mircea…
Ma anche la paura, quella che provano i ragazzini che fanno le cretinate tipiche della loro età e che sanno di doverne pagare le conseguenze.

Un libro corale, dove diverse storie si intersecano tra di loro fino a creare un mosaico perfetto.

“Storia nera di un naso rosso” trasmette un messaggio importante: ognuno è artefice del proprio destino, e se si ha il coraggio di osare, si riesce a cambiare la propria vita, nel bene o nel… male.

Alessandro ci ha fatto dono di un’opera che fa riflettere, che ti entra dentro, che fai tua dopo qualche giorno dalla fine della lettura.

Non la si può semplicemente definire “storia nera…”, un noir, perché è molto di più.

Inutile dire che è un libro da leggere, ma io ve lo dico lo stesso:, è da leggere assolutamente.

 

 

 

Alessandro Morbidelli


classe Settantotto, vive e lavora come libero professionista in una località collinare tra il mare e i monti delle Marche.
Ha pubblicato il noir di ambientazione marchigiana Ogni cosa al posto giusto, ha curato antologie dedicate al mare ed è apparso su varie raccolte accanto a nomi quali Carlo Lucarelli, Valerio Evangelisti, Alan D. Altieri.
Scrive per il sito www.sdiario.com di Barbara Garlaschelli ed è membro della Carboneria Letteraria.