Tempo da elfi






(Recensito da Sara Tarallo)


 

Autori: Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli

Editore: Giunti

Genere: giallo

Pagine: 312

Anno pubblicazione: 2017

 

 

SINOSSI

Il cadavere di un elfo, uno degli appartenenti alla pacifica comunità insidiatasi sull’Appennino poco lontano da Casedisopra, viene trovato nel bosco, senza documenti che ne indichino l’identità.

In assenza del maresciallo Barnaba tocca risolvere il caso a Marco Gherardini, detto Poiana, ispettore della forestale.

Preso tra l’imminente festa dell’Arcobaleno degli elfi e i rapporti non proprio idilliaci con il magistrato che si occupa del caso, Poiana si ritrova a indagare in un clima reso teso dalla ritrosia degli elfi a collaborare, il malumore degli abitanti storici di Casedisopra e lo spettro dell’accorpamento della forestale ai carabinieri.

 

RECENSIONE

Terzo romanzo con protagonista Marco “Poiana” Gherardini, già protagonista di altri due romanzi della collaudata coppia Guccini-Macchiavelli, “Tempo da elfi” è un mix di poliziesco e noir mediterraneo, ambientato in un piccolo comune dell’Appennino tosco-emiliano.

In questa ambientazione montanara così viva da poter esser considerata anch’essa protagonista del libro, si muovono i protagonisti della storia, ognuno con i propri segreti e i propri crucci, raggruppati nelle loro fazioni guardinghe le une verso le altre.

Ci sono i misteriosi elfi, gruppo di cui fanno parte la vittima ma anche Elena, Joseph, Nicola e Giacomo; tutti loro nascondono dei segreti e non sono sempre benvisti dai vecchi, non solo anagraficamente, abitanti di Casedisopra, quali Benito e Paolino, anche loro inclini al tacere verità.

Poi troviamo i forestali, di cui fanno parte Poiana, Farinon e Ferlin, preoccupati dal futuro lavorativo che li attende dopo che verranno integrati nel corpo dei carabinieri.

In un clima di tensione per l’avvicinarsi dell’accorpamento e nel bel mezzo dell’arrivo copioso di nuovi volti per l’imminente festival degli elfi, il ritrovamento di un giovane ramingo (come viene definito un elfo non appartenente in pianta stabile alla comunità locale) diventa una sfida per dimostrare il proprio valore per l’ispettore Gherardini, che vorrebbe poter chiudere la sua carriera nella forestale con un successo, prima di andare incontro alla sua ricollocazione nei carabinieri.

Lo stile dei due autori è ricco di descrizioni ed esprime un profondo amore per l’Appennino, luogo dove si svolge tutta l’azione, trasportandoci in una realtà sospesa nel tempo, in cui stare attenti al lupo non è un modo di dire ma un deciso monito che si scambiano tra di loro gli abitanti.

Un romanzo che sa di tempi andati e fa desiderare di lasciare la città.

 

 

Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli. Francesco Guccini, modenese classe 1940, è uno dei più importanti cantautori della scena italiana. Collabora da venti anni con Loriano Macchiavelli, giallista classe 1934. Hanno pubblicato con Mondadori: Macaronì (1997), Un disco dei Platters (1998), Questo sangue che impasta la terra (2001), Lo spirito e altri briganti (2002), Tango e gli altri (2007), Malastagione (2011), La pioggia fa sul serio (2014). Questi ultimi due hanno per protagonista Marco Gherardini, che ritorna nell’ultimo “Tempo da elfi”, edito da Giunti.