Tredici






(recensione di Fiorella Carta)


Autore: Jay Asher

Traduttori: Lorenzo Borgotallo e Maria Carla Dellavalle

Editore: Mondadori

Genere: thriller

Pagine: 259

Anno pubblicazione: 2013

 

 

 

“Ma è proprio questo il nocciolo della questione. Non si può mai sapere con certezza che tipo d’ impatto ognuno di noi può avere sugli altri. Spesso, non ce ne rendiamo nemmeno conto. Eppure, questo impatto esiste eccome.”

Sono seduta qui, dopo aver finito il libro, a chiedermi come potervi persuadere a leggerlo, come poter convincere insegnanti e genitori ad acquistarlo, farlo leggere ai propri figli, inserirlo nelle letture scolastiche e far capire, in maniera scioccante, forte e indelebile a cosa porta il bullismo, che becera crudeltà psicologica sia e quanto possa far male a un animo fragile che tenta di andare avanti.

Tredici è un romanzo che viaggia da tempo, insieme al suo autore, nelle scuole d’ America, un racconto che aiuta, con un impatto salvifico, coloro che subiscono, in silenzio, le angherie di chi, con insensibilità, ti colpisce nel vivo, ignaro della coltellata inferta a uno spirito che da troppo vacilla.

La storia di Hannah è un pugno nello stomaco, è uno specchio crudele di una società alienata, insensibile alla morte, alle violenze, alla debolezza.

E resterò ancora qui, seduta per un po’ a capire come, ognuno di noi, possa contribuire se non a debellare, ad arginare questo fango, che inghiotte i nostri adolescenti, nel loro momento più delicato.
Ricordiamoci allora di tendere la mano ai nostri figli, ai nostri amici, a chiunque venga emarginato, additato, deriso, per qualsiasi motivo.

Ricordiamoci dell’umanità, di quella delicatezza che la contraddistingue quando accarezza il prossimo e lo salva … dalla morte, dalla trasparenza.

Ricordatevi di leggere questo libro e, se potete, di regalarlo, diffonderlo, e imprimerlo nella vostra mente.
Io non lo dimenticherò mai!
 

L’AUTORE
Jay Asher
nacque in una famiglia che assecondò tutti i suoi interessi, dal suonare la chitarra alla scrittura. Si iscrisse all’università subito dopo essersi diplomato alla San Luis Obispo High School durante la cui frequenza scrisse il suo primo libro per ragazzi. Dopo il diploma, decise di diventare maestro elementare e si trasferì alla California Polytechnic State University che abbandonò all’ultimo anno per perseguire la carriera di scrittore serio. Si sposò quindi e fece i più strani mestieri, compreso il commesso in un negozio di calzature e in libreria e l’addetto in una biblioteca.  Molte delle esperienze avranno poi un impatto nella sua attività di scrittore. Pubblicò il suo primo romanzo,  nel 2007. Si è quindi dedicato alla scrittura del suo secondo romanzo, “The Future of Us”, che è stato pubblicato nel novembre 2011. Oltre ai romanzi ha pubblicato diversi libri illustrati e romanzi umoristici. Netflix  nel 2017 produce una serie TV tratta dal romanzo Tredici.

Se siete lettori appassionati visitate:

Acquista su Amazon.it