Intervista a Emily Mandel




A tu per tu con l’autore

A cura di Denise Antonietti


 

 



Thank you so much for accepting to be interviewed, mrs. Mandel.
 
We have just finished your novel, “The glass hotel” , and if I may say, the feature that struck me the most was its outline, specifically the choice of naming “chorus” the group of Alkaitis’ employees. It reminded me closely of Greek tragedy. Is that what you had in mind?
 
Thank you for reading my work! Yes, I absolutely saw the office workers as something akin to the chorus in a Greek tragedy. I’m fascinated by ideas surrounding collective guilt and mob psychology, by which I mean that well-studied phenomenon where people will do things as part of a group—like throwing a rock through a window at a demonstration—that they would never dream of doing as individuals. That’s why the chapter begins with “We had crossed a line.” I think it’s much easier to say “we crossed a line” than “I crossed a line.”

Grazie mille per aver accettato di essere intervistata, mrs. Mandel. Abbiamo appena terminato il suo romanzo, “L’hotel di cristallo” e la caratteristica che mi ha colpito di più è stata la sua struttura, nello specifico la scelta di nominare “coro” il gruppo dei dipendenti di Alkaitis. Mi ha ricordato da vicino la tragedia greca. È quello che aveva in mente?

Grazie per aver letto il mio lavoro! Sì, vedevo assolutamente gli impiegati come qualcosa di simile al coro di una tragedia greca. Sono affascinata dalle idee che riguardano il senso di colpa collettivo e la psicologia delle masse,ovvero quel fenomeno ben studiato in cui le persone fanno cose come parte di un gruppo – ad esempio lanciare un sasso attraverso una finestra a una dimostrazione – che non si sognerebbero mai fare come individui. Ecco perché il capitolo inizia con “Avevamo oltrepassato un limite”. Penso che sia molto più facile dire “abbiamo attraversato un limite” che “ho attraversato un limite”.

 

 

Let’s talk about Vincent. Her ability to always know what’s proper in given situations and adapt, makes her a sort of social-chameleon. On the inside, though, she always remains faithful to her real self. My impression is that she is not mesmerized by money or power: she only sees them as means to an end. How did you come up with her character? How much of yourself have you put in her?

I put some of myself into her. She’s self-contained in a way that’s similar to me. But where we diverge is that she’s never known what to do with her life. I’ve always known what I wanted to do with my life, even though I changed plans in my early twenties, when I switched from being a dancer to writing novels. So Vincent has a kind of free-floating intelligence, and to your point, she’s socially gifted. Bartenders are good at engaging with people, and she was an excellent bartender.

Parliamo di Vincent. La sua capacità di sapere sempre cosa sia appropriato in determinate situazioni, e adattarsi, la rende una sorta di camaleonte sociale. Dentro di sé, però, rimane sempre fedele a se stessa. La mia impressione è che non sia ipnotizzata dal denaro o dal potere: li vede solo come mezzi per raggiungere un fine. Come le è venuto in mente il suo personaggio? Quanto di sé ha messo in lei?

Ho messo un po’ di me in lei. È autosufficiente in un modo che è simile a me. Ma il punto in cui divergiamo è che lei non ha mai saputo cosa fare della sua vita. Io ho sempre saputo cosa volevo fare, anche se ho cambiato programma poco più che ventenne, quando sono passata dall’essere una ballerina alla scrittura di romanzi. Quindi Vincent ha una sorta di intelligenza fluttuante e, come dici tu, è socialmente dotata. I baristi sono bravi a interagire con le persone e lei era un’eccellente barista.

 

 

Like Vincent, you have lived between Canada and the States. How did that influence your writing – choice of setting for the novel aside? Which one is the place that you call “home”?

Home is a complicated question for me. If you’re viewing the United States from the outside, something that might not be obvious is that culturally speaking, it’s not really one country. Traveling between regions feels like traveling between entirely different countries. I feel very at home in New York City, but not at all at home when I’m traveling in, say, Missouri or Alabama. I’m acclimatized to big cities, so I feel much more at ease in London or Paris—even though in London no one can understand my accent, and in Paris I have to struggle with my weak French—than I do in rural areas of the United States. I feel at home on the west coast of British Columbia, but on the other hand I’ve been gone a long time.

Come Vincent, lei ha vissuto tra il Canada e gli Stati Uniti. In che modo questo ha influenzato la sua scrittura, a parte ovviamente la scelta dell’ambientazione del romanzo? Qual è il posto che definisce “casa”?
 
La casa è una domanda complicata per me. Se guardi gli Stati Uniti dall’esterno, qualcosa che potrebbe non essere ovvio è che culturalmente parlando, non è proprio un paese. Viaggiare tra regioni è come viaggiare tra stati completamente diversi. Mi sento molto a mio agio a New York City, ma per niente a casa quando viaggio, diciamo, nel Missouri o in Alabama. Sono abituata alle grandi città, quindi mi sento molto più a casa a Londra o a Parigi, anche se a Londra nessuno capisce il mio accento, e a Parigi devo lottare con il mio scarso francese, che nelle zone rurali degli Stati Uniti. Mi sento a casa sulla costa occidentale della British Columbia, ma dall’altra parte sono via da molto tempo.

 

 

Jonathan Alkaitis. On one hand he certainly is the villain: a liar, a thief. Despite this, I couldn’t help but feel a certain empathy towards him. He knew what the consequences of his actions would be, and at the same time he seems powerless, as if he got into something that escaped his control. Did you base his character on a real person?
 
No. His crime was based on a real crime—Bernie Madoff’s Ponzi scheme, which collapsed in New York City in December 2008—but Bernie Madoff himself was a deeply uninteresting person. I know one shouldn’t speak ill of the dead, but if anyone deserves it, it’s Madoff. If you read prison interviews, he just seems like such a tedious sociopath. So I had to create the character from scratch, and it was difficult. I’m glad you were able to feel empathy for him. I wanted to create a complex character who had committed this terrible act, but was also capable of friendship and who truly loved his first wife.

Jonathan Alkaitis. Per un verso è certamente il cattivo: un bugiardo, un ladro. Nonostante questo, non ho potuto fare a meno di provare una certa empatia nei suoi confronti. Sapeva quali sarebbero state le conseguenze delle sue azioni e allo stesso tempo sembrava impotente, come se fosse finito in qualcosa che sfuggiva al suo controllo. Ha basato il suo personaggio su una persona reale?
 
No. Il suo crimine era basato su un vero crimine – lo schema Ponzi di Bernie Madoff, che è crollato a New York City nel dicembre 2008 – ma lo stesso Bernie Madoff era una persona davvero poco interessante. So che non si dovrebbe parlare male dei morti, ma se qualcuno lo merita, è Madoff. Se leggi le interviste in prigione, sembra un tale sociopatico, noioso per giunta. Quindi ho dovuto creare il personaggio da zero, ed è stato difficile. Sono felice che tu sia riuscita a provare empatia per lui. Volevo creare un personaggio complesso che avesse commesso questo atto terribile, ma che fosse anche capace di fare amicizia e che amasse veramente la sua prima moglie.

 

 

The book is set during the global financial crisis of 2008. What fascinated you about this event to make you choose it as a starting point for your novel?

It was a tremendously destabilizing time. I remember watching the news in my in-laws’ apartment when the market was crashing, and how dark and precarious the moment seemed. There was so much unemployment, and such a sense that the carpet had been pulled out from under us, so to speak. We’d thought our economy was solid, but it turned out to be incredibly fragile and precarious.

Il libro è ambientato durante la crisi finanziaria globale del 2008. Cosa l’ha affascinata di questo evento al punto da farglielo scegliere come base per il suo romanzo?

È stato un periodo terribilmente destabilizzante. Ricordo di aver visto il telegiornale nell’appartamento dei miei suoceri quando il mercato stava crollando, e quanto il momento sembrava oscuro e precario. C’era così tanta disoccupazione e una tale sensazione che ci  fosse stato strappato il tappeto da sotto i piedi, per così dire. Pensavamo che la nostra economia fosse solida, ma si è rivelata incredibilmente fragile e precaria

 

 

How did you research the topics you write about in the novel? Did you have first-hand sources?

I just read a lot. I read books on the shipping industry, and on Bernie Madoff’s crime—because although all of the characters in this book are fictional, the crime is the same. I spent a lot of time reading court transcripts from Madoff’s sentencing hearing, which was fascinating and distressing. I spent time on a YouTube channel operated by an officer on a container ship, to get a better sense of what life on board one of those ships might look like.

Come ha fatto ricerca per gli argomenti di cui scrive nel romanzo? Ha avuto fonti di prima mano?

Solo leggendo molto. Ho letto libri sull’industria marittima e sul crimine di Bernie Madoff, perché sebbene tutti i personaggi di questo libro siano di fantasia, il crimine è lo stesso. Ho passato molto tempo a leggere le trascrizioni del tribunale dell’udienza della sentenza di Madoff, che è stata affascinante e angosciante. Ho trascorso un po’ di tempo su un canale YouTube gestito da un ufficiale su una nave portacontainer, per avere un’idea migliore di come potrebbe essere la vita a bordo di una di quelle navi.

 

 

Among our readers there are many aspiring writers. What is the piece of advice you wish someone gave you at the beginning of your career?

I think it’s really important to finish what you start. It’s easy to start anything, but then sometimes you might get bored, or you forget what you were trying to do with the project, and you set it aside and start something else. But it’s in working through those problems that you become a better writer. I also can’t overemphasize the importance of revision. Think of your first draft as the raw material in which you might find your story, like carving a statue out of a block of stone. Your first draft isn’t the statue; your first draft is just the stone.

Tra i nostri lettori ci sono molti aspiranti scrittori. Qual è il consiglio che vorrebbe che qualcuno le avesse dato all’inizio della sua carriera?

Penso che sia davvero importante finire ciò che inizi. È facile iniziare qualsiasi cosa, ma a volte potresti annoiarti o dimenticare cosa stavi cercando di fare con il progetto e lo metti da parte e inizi qualcos’altro. Ma è lavorando su questi problemi che diventi uno scrittore migliore. Inoltre, non posso enfatizzare troppo l’importanza della revisione. Pensa alla tua prima bozza come alla materia prima in cui potresti trovare la tua storia, come scolpire una statua da un blocco di pietra. La tua prima bozza non è la statua; la tua prima bozza è solo la pietra.

 

 

Are you currently working on a new project? Can you give our readers some foretaste of it?
 
I’m working on a feature film adaptation of my first novel, Last Night in Montreal, with my friend Semi Chellas. My sixth novel, Sea of Tranquility, is being published in April, so I’ve been working on publicity around that. I’ve also recently started writing my seventh novel.

Sta attualmente lavorando a un nuovo progetto? Può darne un assaggio ai nostri lettori?

Sto lavorando a un adattamento cinematografico del mio primo romanzo, Last Night in Montreal, con la mia amica Semi Chellas. Il mio sesto romanzo, Sea of Tranquility, verrà pubblicato ad aprile, quindi ho lavorato alla pubblicità su di esso. Di recente ho anche iniziato a scrivere il mio settimo romanzo.

 

Thank you so much for your time, have a nice day!

Thank you for interviewing me!

Grazie mille per il suo tempo, buona giornata!

Grazie per avermi intervistato!


 

Acquista su Amazon.it: