Le voci del faro




Recensione di Cristina Bruno


Autore: Laura Ferrari

Editore: Milena Edizioni

Genere: giallo romantico

Pagine: 176

Anno di pubblicazione: 2020

 

 

 

 

 

Sinossi. Laura Marshall, fotoreporter del National Geographic di Londra, vola a Malta per fare visita all’amica Emma. Durante la cena di benvenuto, Laura viene a conoscenza della leggenda del faro di Gozo: nel 1961 una coppia di amanti si è suicidata gettandosi dalla scogliera. Poco dopo l’arrivo di Laura, il marito di Emma scompare nel nulla. È Philippe Oman, noto attore teatrale, di cui si perdono le tracce dopo uno spettacolo. Iniziano le ricerche capitanate dall’agente di polizia Morgan e Laura si sente in dovere di supportare le indagini. Spinta dal desiderio di raggiungere il faro per scattare fotografie, Marshall conoscerà il guardiano Bill e il frate del convento vicino e scoprirà i segreti legati alla leggenda e alla sparizione dell’attore.

 

Recensione

Philippe Oman è un attore di teatro maltese, molto noto nell’isola. Alla fine di uno spettacolo scompare misteriosamente, lasciando tracce di sangue che fanno temere perla sua vita. La polizia inizia a interrogare i testimoni.

Tra i presenti, oltre alla moglie Emma, al fratello Clark e a un’altra attrice di nome Isabella, si trovano anche Laura, amica di Emma, con il compagno Chris. Laura è una fotografa del National Geographic giunta a Malta per incontrare l’amica e anche per scattare un servizio fotografico sul Faro di Gozo.

Mentre la polizia indaga scopriamo un po’ alla volta i retroscena dei vari personaggi che si intrecciano alle leggende del luogo. Sarà proprio Laura a fare luce sull’accaduto scoprendo i lati oscuri della vicenda e svelando inaspettate dinamiche di coppia.

Il testo si legge velocemente, ha uno stile molto semplice e facilmente accessibile ai lettori.

La trama gialla ha forti venature di rosa che stemperano la tensione e la rendono più simile a un romance.

I protagonisti hanno, appunto, le tipiche caratteristiche del romance: come la coppia di innamorati giovani e belli, o la coppia sposata in crisi con il relativo subentro dell’amante.

Altrettanto classico è lo svolgimento che vede la risoluzione dei conflitti, la ricomposizione dei rapporti e culmina nell’agnizione finale.

L’isola di Malta, con una breve parentesi siciliana, fa dacornice della narrazione. La leggenda degli amanti sfortunati è invece il perno attorno a cui ruota l’azione, nonché la chiave di volta che permetterà a Laura di trovare il bandolo della matassa che, in fondo, era sotto gli occhi di tutti.

I personaggi che più si differenziano dagli altri sono il guardiano del faro e il frate del convento poco distante, entrambi indispensabili al raggiungimento della soluzione. Il primo vive nel suo splendido isolamento dal mondo, a contatto con il mare e i gabbiani, tra i suoni del vento e delle onde e il profumo del salso. Il secondo è il custode dei segreti di un passato lontano e necessario a spiegare il presente.

Consigliato a chi ama il genere romantico con un pizzico di giallo.

 

A cura di Cristina Bruno

http://fabulaeintreccio.blogspot.com/

 

 

 

Laura Ferrari


Vive a Verona e lavora come ragioniera e responsabile amministrativa. Scrive romanzi gialli e fiabe. Amante della lettura e del teatro, collabora sia con le scuole, sia con La compagnia dell’arca, dove nel 2019 ha riadattato una fiaba per uno spettacolo. Nel 2013 ha esordito con il romanzo Temporale a Trafalgar Square. Le piace viaggiare, adora i film di Alfred Hitchcock e i libri di Stephen King.

 

Acquista su Amazon.it: