Un tranquillo weekend di delitti




Un tranquillo weekend di delitti


Recensione di Fiorella Carta


 

Autrice: Gilly MacMillan

Traduttrice: Maria Luisa Amodio

Genere: Thriller

Pagine: 320

Editore: Newton Compton Editori

Anno: 2022

 

 

 

Sinossi. Dark Fell Barn è un rifugio tranquillo e isolato dal mondo, o almeno questo promette il suo sito web. Una breve pausa da tutto è proprio ciò di cui Jayne, Ruth ed Emily hanno bisogno. Le tre amiche partono così alla volta della fattoria immersa nella brughiera inglese, dove trascorreranno la notte in attesa che i mariti le raggiungano la mattina successiva. Quando arrivano, però, trovano un messaggio agghiacciante: un biglietto nel quale è scritto che uno degli uomini che aspettano è stato ucciso. Ogni tentativo di rintracciare i propri coniugi è inutile. I telefoni non prendono e non c’è verso di far funzionare internet. Sono bloccate. E sta arrivando una tempesta. Improvvisamente le tensioni esplodono. E al nervosismo si aggiunge il fatto che ognuna di loro spera in cuor suo che non si tratti del proprio marito. L’amicizia inossidabile di un tempo sembra svanire con il passare delle ore. Per quante difficoltà abbiano affrontato insieme, questo incubo sembra andare oltre ogni possibile sopportazione. Ma chi è l’artefice del gioco macabro in cui sono rimaste intrappolate?

 

Recensione

Il weekend c’è, i delitti pure, manca proprio la tranquillità ovviamente.

Amicizie di una vita e nuovi legami creati dai matrimoni e una routine, quella di passare i fine settimana lontani dal caos cittadino, sperduti nella natura.

Ma i rapporti più vecchi nascondono segreti e i nuovi ingressi, tre donne profondamente diverse, cercano di trovare un equilibrio in mezzo alla loro complicità.

La scelta per questo weekend dunque ricade su un rifugio appartenente a una coppia dedita alla vita contadina, proprietaria di un vasto territorio ricco di leggende e tradizioni. Il suo proprietario, in particolare, a causa della sua malattia, inizia a mal sopportare la decisione di affittare i locali appartenenti alla sua famiglia.

Solo una persona resta fuori da questa gita fuori porta e decide così di recapitare un piccolo regalo ai vacanzieri.

Un messaggio che scatena i pensieri più oscuri di ognuno di loro, presagi di morte, tradimenti, delirii.
Mi aspetto sempre qualcosa di psicologicamente potente da questa autrice, riesce a tirar fuori da ogni personaggio un malessere perfido, una cattiveria recondita.

Ognuno di loro vi mostrerà dubbi, gelosie, illazioni, sta a voi ricucire gli strappi, ricomporre il tutto per capire chi uccide e chi verrà ucciso.

Fino ad un certo punto ho pensato di leggere qualcosa che solo la mia mente ha pensato di aver visto, così sono tornata indietro con la lettura, rendendomi conto che l’autrice mi aveva fregata.

Una tranquilla lettura di morte e misteri.

 

 

Gilly MacMillan


Gilly MacMillan (…) è una giallista britannica. È cresciuta a Swindon e ha trascorso l’adolescenza nel nord della California. Vive attualmente a Bristol con il marito e i tre figli.

 

Acquista su Amazon.it: