La lampada del diavolo




Recensione di Fiorella Carta


Autore: Patrick McGrath

Traduttore: Carlo Prosperi

Genere: Narrativa

Pagine: 272

Editore: La Nave di Teseo

Anno: 2021

 

 

 

 

Sinossi. Londra, 1975. Lanziano poeta Francis McNulty sente avvicinarsi la fine dei suoi giorni ma il suo animo non trova pace, schiacciato da una colpa che non ha mai avuto il coraggio di confessare. Le ombre di un tradimento sotto le armi, durante la Guerra Civile spagnola, si allungano nella casa di Cleaver Square quando unoscura presenza, con le fattezze del generale Francisco Franco, comincia a fargli visita. In alta uniforme, il contegno di un militare decaduto, lapparizione perseguita Francis con i ricordi dei giorni drammatici di quarantanni prima. Perseguitato dalle visioni e spronato dalle domande di un giovane reporter che sta scrivendo un pezzo su di lui, il vecchio poeta accetta linvito della figlia ad accompagnarla in viaggio di nozze a Madrid, in cui vede finalmente loccasione per affrontare i fantasmi del suo passato. Mentre nel palazzo reale si consuma lagonia del Generalissimo, vittima e carnefice di unepoca che si sta consumando, Francis torna nei luoghi della sua vergogna, in un viaggio liberatorio nel tempo, nei ricordi di famiglia, nei recessi della sua mente. Dal genio di Patrick McGrath, un romanzo che entra nei pensieri del suo protagonista, e di noi lettori, per far luce sulle diaboliche ossessioni scatenate dai segreti quando decidono di parlare.

 

Recensione

Un autore che non ha bisogno di presentazioni, annoverarlo, fra qualche tempo, fra i classici contemporanei, non sarebbe eresia.

Il suo modo di scrivere è cristallino, niente orpelli inutili, arriva al dunque e lo fa trascinando dentro il lettore, in ogni storia a cui decide di dar vita.

Siamo nel 1975 e Francis McNulty, ormai anziano e proteso coi pensieri verso la morte, riporta a galla i suoi ricordi della guerra civile spagnola, proprio nel momento in cui Franco è in fin di vita e in tanti auspicano la sua fine il prima possibile. Bizzarria vuole che proprio lo spirito del Generalissimo si presenti al nostro protagonista, con l’alta uniforme lercia e consunta.

Era l’epitome della banalità, lo vedevi da come camminava, con il passo lezioni di un colombo ma, oh, con dentro un cuore sanguinario fatto della pietra più dura”

La figlia e poi in seguito la sorella, si allarmano, credendo il loro congiunto prossimo alla demenza senile.

Con spiccata ironia, presente e tagliente, senza risparmiare nessuno, ripercorriamo la vita di questo reduce, i suoi giorni a Madrid, da quando il suo fedele amico Doc Roscoe salvò Dolores che poi diventò la domestica in Cleaver Square fino al rientro a casa, sano e salvo e con una colpa pesante sulla coscienza.

Le oscure presenze, dentro e fuori dalla sua anima, il decadere del fisico e della mente, com’è umano che sia e il rivangare un passato ormai lontano nel tempo, formano una storia unica, quasi di altri tempi, cadenzata da risate e nostalgia, paura e fascino della morte in un Patrick McGrath in pieno spolvero, ormai assodato autore di qualità che, in questo romanzo, regala un ritmo divertente ad una storia che vista da un altro lato, non ne avrebbe; eppure lui la rivolta e la rivede con un personaggio che non perde mai l’attimo della battuta, della visuale ironica del momento.

Una storia immersa nell’arte e nella musica, il titolo è rivelatore, metafora e rappresentazione del vivere del protagonista, del vivere umano in generale.

La Làmpara del Diablo, altrimenti nota come L’ esorcizzare. Raffigura un pover’uomo, vittima di un maleficio, che nelle profondità della notte cerca di tenere accesa la sua lanterna, poiché nel caso si spegnesse la sua anima verrebbe ceduta al diavolo

Leggere McGrath è calarsi sempre verso una lettura rivelatrice, riflessiva per un finale romanticamente commovente, che nel declino schiude alla speranza.

 

 

 

Patrick McGrath


Patrick McGrath è nato in Inghilterra e vive tra New York e Londra. È autore di numerosi romanzi, tra cui Follia (1998) uno dei più grandi successi letterari degli ultimi anni , Martha Peake (2001), Spider (2002, da cui è stato tratto il film di David Cronenberg), Port Mungo (2004), Trauma (2007, nuova edizione La nave di Teseo, 2019), Lestranea (2013) e La guardarobiera (La nave di Teseo, 2017). Per La nave di Teseo è uscita inoltre la raccolta Racconti di follia (2020).

 

 

Acquista su Amazon.it: