L’irresistibile simmetria…




L’irresistibile simmetria della vendetta


Recensione di Fiorella Carta


Autrice: Rosa Mogliasso

Genere: Giallo

Pagine: 224

Editore: Salani

Anno: 2021

 

 

 

 

 

Sinossi. A dispetto del suo nome di battesimo, nel cuore di Amanda c’è poco spazio per i buoni sentimenti. Sarà forse colpa dell’ex marito, che l’ha lasciata, o sarà perché anche con l’attuale compagno le cose non funzionano granché, e a cinquant’anni è difficile rimettersi in gioco? O magari è per la sua carriera di scrittrice, che non è decollata come sperava? Fatto sta che Amanda ha un conto aperto con l’universo e, mentre aspetta l’occasione giusta per riscattarsi, insegna in un corso serale di scrittura. Sotto la sua guida, un gruppetto di aspiranti bestselleristi si esercita nell’arte del delitto perfetto – quello inventato, s’intende. Tra loro ci sono Rutger, l’aitante tennista, Vanessa, la milf pettinatissima, Giovanni, il romantico ottantenne, e Ludovica, l’agente letteraria invadente. Capitolo dopo capitolo, maestra e allievi si addentreranno nei meccanismi intricati del loro romanzo, ma anche in quelli più insidiosi delle passioni che li legano l’uno all’altro. L’irriverente ironia di Rosa Mogliasso torna a colpire in un giallo che ne ha un altro al suo interno. E mentre ci mostra le regole per costruire il più infallibile dei congegni narrativi, si diverte a sabotarlo puntualmente. Fino all’immancabile colpo di scena conclusivo.

 

Recensione

Quanto mi sarei divertita, in  questo mondo fatto di etichette, nel vedere questo romanzo sottoforma di piece teatrale.

Due storie, una matrjoska breve, intensa; dinamicità feroce che passa dal gruppo di aspiranti scrittori capitanati da Amanda, ai loro personaggi di fantasia che vivono, in un mondo parallelo, complementare, la loro tragedia.

Nel mezzo piccole lezioni di scrittura, trucchi di narrativa, rapporti che nascono, vivono e muoiono in pochi giorni, corrono troppo veloci come le nostre esistenze fatue.

Così conosciamo l’amore solido e duraturo di Giovanni, la voglia di emergere di Rutger, le gelosie e gli amori acerbi.

Nel mentre, tutti verranno coinvolti nella seconda vita, fatta di inchiostro e le loro voci si alterneranno, condizionate dal loro essere e dal loro sentire, in una crociera dove tutto rispecchia la realtà, dove la scomparsa di un’amante scatena meccanismi ancestrali in entrambi i mondi.

Originale sicuramente, con un finale che spetta al lettore.

È sempre così, no?

Solo che questa volta non è delineato, non mira solo alla soddisfazione e alla riflessione, lascia campo aperto, ampio respiro fra realtà e finzione. Così, mentre cammini, ci pensi, a questa storia, ai suoi possibili risvolti.


 

 

Rosa Mogliasso


Ha esordito nel 2010 con il giallo ironico Lassassino qualcosa lascia (Premio Selezione Bancarella). Sono poi seguiti Lamore si nutre di amore (finalista Premio Scerbanenco), La felicità è un muscolo volontario, Chi bacia e chi viene baciato e 1791. Mozart e il violino di Lucifero, tutti editi da Salani. Nel 2015 è uscito per NN Editore Bella era bella, morta era morta, finalista Prix meilleur Polar Points selection 2018 e Prix Paul Valéry 2021.

 

Acquista su Amazon.it: