Bologna in fiamme




Recensione di Loredana Gasparri


Autore: Gianluca Morozzi

Editore: Battaglia Edizioni

Genere: Narrativa italiana contemporanea

Pagine: 308

Anno di pubblicazione: 2019

 

 

 

 

 

Sinossi. A Los Angeles è la Notte degli Oscar e il regista italiano Achille Cordova vince a sorpresa la statuetta del Miglior film straniero. Nelle stesse ore a Bologna, Vasco Vitale, ex studente del DAMS, ora trentacinquenne professore nelle scuole medie, grasso, calvo e scapolo, sta guardando alla tv il suo idolo di sempre, il regista Achille Cordova, ricevere il più alto riconoscimento che un cineasta possa sognare e, quando la telecamera inquadra l’uomo a fianco di Cordova, Vasco lo riconosce: è il suo compagno di liceo, Simone Bianchi… e subito si domanda: cosa cazzo ci fa quella checca di Simone Bianchi di fianco al suo idolo nella Notte degli Oscar? Intanto, a Marradi, nella casa di Achille Cordova, si consuma un efferato delitto: la seconda moglie del regista, la giovane e graziosa Marianna, in procinto di partorire, viene uccisa. Da allora in poi, le vite di Achille Cordova, della sua troupe e di Vasco Vitale non saranno più le stesse…

 

 

Recensione

Ho chiuso il libro e mentre lasciavo che la storia decantasse, lo sguardo mi è caduto sulla copertina e sulle parole che spiccano sopra: Bologna in fiamme, Battaglia Edizioni. Il logo stesso della casa editrice, che riproduce movimenti di lotta di strada, ma in chiave molto più costruttiva, e ironica.

Credo che tutto questo si sia amalgamato perfettamente in una storia in cui imperversa una continua battaglia, tra costruzione e distruzione, temperata da tanta, tanta ironia, compresa quella che graffia e pizzica. Una riedizione in una qualche versione dell’epica battaglia tra Bene e Male?

No, non così stilizzata.

Fin dall’inizio, i personaggi sono impegnati in battaglia. Il bel talentuoso e ambizioso Simone Bianchi (in arte Simon Blanx) è impegnato nello sforzo di restare vivo, nelle primissime pagine. E man mano che leggiamo, scopriamo che la sua intera vita è stata una battaglia combattuta contro la discriminazione piombata sulle sue spalle perché gay, dagli anni seccanti del liceo, per poi emergere con le sue indubbie qualità di attore, preparato e capace.

Fino all’occasione d’oro accanto ad Achille Cordova, nella Notte Più Importante Di Tutte. Proprio da quegli anni liceali poco divertenti per lui, emerge la figura di Vasco Vitale, uno dei suoi “persecutori”. All’epoca giovane sbruffone etero, impegnato in continui discorsi da tifoso di calcio semi-teppista con un paio di suoi cloni, sprezzante di ogni diversità, tra cui Simone, scopriamo che anche Vasco è in continua lotta. Contro una certa mediocrità del suo essere e dell’ambiente che lo circonda, e le bollette.

Qual è il legame tra due persone così diverse, che non vorrebbero mai più rincontrarsi, ciascuna con obiettivi e battaglie diametralmente opposti?

Achille Cordova, il regista di sinistra, di film impegnati che conoscono in dodici, che riesce a vincere un premio prestigioso proprio a Los Angeles. Per Simone/Simon è il suo capo, colui che gli sta aprendo le porte di un mondo meraviglioso, da lui ardentemente ambito. Per Vasco è l’idolo personale, la luce nel suo mondo di tenebre mediocri, di cui conosce a memoria film, sceneggiature, scritti.

Che cosa li porta a interagire insieme? La battaglia personale di Achille Cordova, quella che si svolge nell’arte del cinema, che lui usa per raccontare la realtà dei meno “dorati” della vita, degli sfruttati dalla catena di produzione economica. All’inizio, almeno, è così, e noi lo crediamo fino alla fine, quando scopriamo la qualità agghiacciante del suo reale messaggio.

E ci arriviamo in un turbine, correndo per Bologna, Los Angeles e di nuovo Bologna e dintorni, spaventati da una catena di omicidi efferati che iniziano falciando la giovane moglie del regista e finiscono per minacciare lo stesso Simon… come? Leggete passo passo, nel libro, come l’autore riesce a legare insieme questi tre cardini e una moltitudine di comprimari in una vicenda forte, originale, e a non prenderla quasi mai troppo sul serio.

Mentre leggete i nomi dei film di Achille Cordova, le sue sceneggiature, le ambientazioni di una certa Bologna, le dissertazioni in linguaggio astruso da iper-critico cinematografico di nicchia, vi sentirete risuonare tanti richiami nella memoria.

Fate attenzione a come Morozzi riesce a ricordare, a rendere omaggio, e a dissacrare tutti quanti senza farsene accorgere fino alla fine. Non saprete se ridere o essere spaventati.

Ricordate, però, che paura ed euforia hanno confini molto, molto sfocati…

 

A cura di Loredana Gasparri

delfurorediaverlibri,blogspot.com

 

 

 

Gianluca Morozzi (Scheda Autore)


Gianluca Morozzi è nato a Bologna nel 1971. Dopo gli esordi con la piccola casa editrice ravennate Fernandel, di cui è diventato direttore editoriale ha raggiunto il grande pubblico grazie al romanzo Blackout, un thriller interamente ambientato all’interno di un ascensore. Oltre ai romanzi già pubblicati, ha all’attivo numerosi racconti, inseriti in diverse antologie. Nella sua produzione sono frequenti i riferimenti alle esperienze personali, in particolare quelle inerenti la fede calcistica per il Bologna FC e – soprattutto – la musica. È il chitarrista degli Street Legal, una tribute band che omaggia Bob Dylan. Ha suonato nel cd Deviazioni, tributo a Vasco Rossi pubblicato in allegato al Mucchio Extra, realizzando con Andrea Parodi il brano Brava. È anche conduttore radiofonico e tiene corsi di scrittura creativa. Ha pubblicato numerosi romanzi, tra cui Dieci cose che ho fatto ma che non posso credere di aver fatto, però le ho fatte, Accecati dalla luce e la raccolta di racconti Luglio, agosto, settembre nero, tutti usciti da Fernandel. Per Guanda ricordiamo: Blackout, L’era del porco, Chi non muore, Lo specchio nero, Radiomorte, L’Emilia, o la dura legge della musica (un saggio), Despero e la graphic novel Il vangelo del coyote, oltre al romanzo Colui che gli dei vogliono distruggere. Per Tea ricordiamo: Gli annientatori (2018) e Dracula ed io (2019). Un suo racconto compare anche nella raccolta Semi di fico d’India edita da Nuova Dimensione.

 

 

Acquista su Amazon.it: