Gli archivi segreti…




Gli archivi segreti della sezione M
Il sussurro del diavolo-Il segreto di Agarthi

Recensione di Katia Fortunato


Autore: Carlo Alberto Orlandi

Editore: TRE60

Genere: Giallo

Pagine: 259

Anno di Pubblicazione: 2019

 

 

Sinossi. Italia, metà degli anni Trenta. Mussolini ordina al capo della polizia, Arturo Bocchini, di costituire un nucleo investigativo speciale con il compito di indagare su quelle vicende, criminali o meno, considerate pericolose per la sicurezza della nazione in virtù della loro natura misteriosa, bizzarra o esoterica. Il piccolo gruppo operativo, pur se inquadrato nel Ministero dell’Interno, viene affidato all’affascinante Maria Coronata Venturi e posto alle dipendenze del Gabinetto RS-33, una squadra di studiosi e ricercatori capeggiata da Guglielmo Marconi. Lo scienziato accetta, con la riserva di poter utilizzare sul campo forze provenienti dal mondo universitario anziché tradizionali agenti di polizia. La sua scelta cade su tre giovani amici che si sono distinti nei Littoriali, Davide Varelli, un geniaccio matematico, laureato in Fisica e Ingegneria; Romolo Mancini, appassionato di motori e capace di condurre ogni mezzo di trasporto, e infine Ondina Murri, esperta di storia e di lingue antiche, ma anche accesa protofemminista e dotata di un fascino cui non sono certo insensibili gli altri due. È nata la Sezione M…

 

Recensione

Secondo libro sui segreti della sezione M. Altri due racconti dove il trio di giovani amici dà prova di acume, ironia e intelligenza.

Questa volta siamo alle prese prima con la morte sospetta di un agente segreto che deve proteggere uno scienziato che sta mettendo a punto una sorta di messaggio subliminale per il controllo mentale, mentre nel secondo con la mitica città di Agarthi.

Anche questi racconti sono molto veloci da leggere e anche abbastanza interessanti. Quello che non mi è andato giù è il fatto che il primo racconto me lo hanno lasciato così, senza finale.

So che il tutto si concluderà con l’ultimo libro della serie, ma la mia curiosità non è molto razionale quando s’impunta.

Mi toccherà leggere il terzo molto velocemente.

 

 

 

Carlo Alberto Orlandi


Carlo Alberto Orlandi, giovane archivista del Viminale, si occupò dal 1933 dei documenti della Sezione M. Nel giugno 1944, pochi giorni prima della Liberazione, caricato l’intero archivio sulla sua auto, Orlandi si allontanò da Roma, facendo perdere le sue tracce. A distanza di oltre settantant’anni, durante la ristrutturazione di una villa abbandonata sul litorale romano, vennero rinvenuti nel sottotetto due grossi faldoni contenenti decine di fascicoli dattiloscritti, palesemente risalenti agli anni del regime fascistaIdocumenti sono stati in seguito identificati proprio come i preziosi dossier della Sezione M, un materiale incredibile e del tutto inedito che, nelle mani di Giulio Leoni, Enrico Luceri e Massimo Pietroselli, amici e scrittori appassionati del mistero…

 

Acquista su Amazon.it: