La lettera




Recensione di Fiorella Carta

Autore: Kathryn Hughes

Editore: Nord

Pagine: 352

Genere: Narrativa

Anno Pubblicazione: 2016

 

 

 

“La lettera” è stato definito in molti modi: passiamo da “la rivelazione dell’anno”, “uno strepitoso successo editoriale” a “ una storia che ha conquistato il mondo”.

Epiteti entusiasmanti devo dire, anche se, non essendo una profana della lettura, non cado mai in queste trappole pubblicitarie da fascetta gialla intorno al libro.

La storia di base è veramente interessante: due donne che combattono contro violenze e soprusi di diverso genere, una durante lo scoppio della seconda guerra mondiale, l’altra negli anni 70.
Due vite tormentate che si incrociano grazie a una lettera ritrovata in un vecchio cappotto, nel mercatino dell’usato dove lavora Tina.

Una lettera mai spedita, mai consegnata , che avrebbe cambiato in meglio la vita dei protagonisti se solo fosse stata letta.
Mentre Tina combatte contro un amore malato, che la porterà verso una grande tragedia, decide di fare da postina e di consegnare questa lettera alla destinataria, ormai anziana.

Devo dire che la trama ispira, convince all’acquisto e se fosse ben dipanata , renderebbe merito alle lodi sopracitate.
Ciò che mi è mancato è il pathos, l’ empatia che una storia del genere dovrebbe trasmettere; la lettura è scorrevole ma priva di emozioni, i personaggi non sono descritti nitidamente e spesso i loro dialoghi e le loro azioni mancano di logica.

E’ come se mancassero delle frasi, come guardare un album di fotografie in cui mancano i ricordi più belli, quelli che ti fanno sussultare e ti fanno rivivere tutto come se fosse ieri.

… Come una lettera mai consegnata.

 

 

 

Kathryn Hughes


è nata ad Altrincham, nel Cheshire, dove vive tutt’ora. Fin da bambina, ha amato raccontare storie, ma le ci sono voluti molti anni, due figli e diversi lavori prima di potersi dedicare a tempo pieno alla narrativa. La lettera è il suo primo romanzo e si è subito imposto come il caso editoriale dell’anno.