Gard Sveen




Gard Sveen (1969) è consulente del ministero della Difesa norvegese. Con L’ultimo pellegrino (Den siste pilegrimen, 2013), il suo primo romanzo, ha vinto sia il Glass Key che il Riverton Prize, i massimi riconoscimenti scandinavi per la letteratura poliziesca: solo Jo Nesbø li ha ottenuti entrambi. L’ispettore Tommy Bergmann è stato protagonista di altri due thiller, pubblicati in molti Paesi, ma ancora non tradotti in Italia: Helvete åpent (2015) e Blod i dans (2016).

 

Di Gard Sveen:

IL LIBRO – Carl Oscar Krogh, ottantacinque anni e un passato in prima linea nella resistenza norvegese, viene trovato morto nella sua sontuosa villa sulle colline a nord di Oslo in un radioso mattino di giugno. È stato ripetutamente accoltellato, colpito con una tale brutalità da essere quasi irriconoscibile. Solo tre settimane prima, nei boschi del Nordmarka, non lontano dalla capitale, erano stati rinvenuti i resti di tre persone uccise negli anni della Seconda guerra mondiale.