Caterina Bonvicini




Caterina Bonvicini – Firenze, 1974 – è una scrittrice italiana. Vive e lavora a Roma; si è laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna, città nella quale è cresciuta, trasferendosi poi a Torino, dove ha lavorato per la casa editrice Einaudi. Nel 2003, con il romanzo Di corsa pubblicato da Einaudi, si aggiudica il Premio Fiesole Narrativa Under 40. Nel 2004 ha pubblicato i racconti Corpo, ricorda nella raccolta Principesse azzurre 2. Racconti d’amore e di vita di donne tra donne curata da Delia Vaccarello per Mondadori, e Con l’unghia raspavano la terra nella raccolta Ragazze che dovresti conoscere. The Sex Anthology, curata da Simona Vinci per Einaudi. Con Uno due tre liberi tutti!, un libro per ragazzi illustrato da Allegra Agliardi, pubblicato da Feltrinelli nel 2006, si aggiudica nel 2007 il Premio “Passaparola” della Biblioteca Comunale di Terranuova Bracciolini e il Premio “Scelto da noi” della Biblioteca Comunale “G. Badii” di Massa Marittima. Con il romanzo L’equilibrio degli squali, pubblicato da Garzanti nel 2008, ha vinto nello stesso anno il Premio Rapallo Carige per la donna scrittrice, il Premio Fregene per la narrativa e il Premio letterario Frignano, ed è stata finalista al Premio Stresa di Narrativa. Tradotto in Spagna, Germania e Olanda e da Gallimard in Francia, ha vinto il Grand Prix de l’héroïne Madame Figaro. Tra gli altri suoi libri ricordiamo Penelope per gioco (Einaudi 2010), I figli degli altri (Einaudi 2006), Il sorriso lento (Garzanti 2011), Correva l’anno del nostro amore (Garzanti 2014), Tutte le donne di (Garzanti 2016) e Fancy red (Mondadori 2018).

 

Di Caterina Bonvicini:

IL LIBRO – Sette donne, un uomo, un’unica grande famiglia e un mistero. Vittorio scompare nel nulla, lasciando solo un criptico messaggio a tutte le sue donne, che affronteranno, ognuna a suo modo, questa sparizione…

 

 

IL LIBRO – Lindos, Grecia. È una notte d’estate. Un uomo si sveglia in una lussuosa camera da letto che non riconosce. Sdraiata accanto a lui c’è una ragazza che sta piangendo. Distesa a terra, un’altra donna…