La tempesta






(Recensito da Sara Tarallo)


 

Autore: Frode Granhus

Editore: Atmosphere Libri

Traduttore: Alessandro Storti

Pagine: 250

Genere: Thriller

Anno di pubblicazione: 2017

 

 

SINOSSI

Isole Lofoten. Il rinvenimento di un teschio riemerso dal terreno dopo una frana precede il ritrovamento del cadavere di un ragazzino di tredici anni seviziato.

Il caso mette a dura prova l’ispettore Berger Falch, già scosso dal caso irrisolto di un uomo sopravvissuto all’esplosione del serbatoio del suo tosaerba, probabilmente manomesso.

All’anziano Falch, prossimo alla pensione, viene affiancato Rino Carlsen, che dovrà indagare nel passato per trovare i responsabili di questi crimini.

 

RECENSIONE

Narrato in terza persona dal punto di vista dei quattro protagonisti, “La tempesta” (“Stormen”, in originale) è la seconda indagine del detective Rino Carlsen.

Carlsen, già incontrato nel precedente romanzo “Vortici”, affianca in questo romanzo Berger Falch, un poliziotto giunto alla fine della sua carriera, che è profondamente turbato dagli episodi che si stanno verificando nella sua terra di origine e che ben presto si rivelano collegati al suo passato.

Mentre Falch si perde nei ricordi dolorosi, Carlsen affronta i propri problemi familiari districandosi, alla ricerca della verità, tra i fatti avvenuti cinquant’anni prima e quelli più recenti.

La storia viene raccontata anche dal punto di vista dei due “cattivi”, senza tuttavia scadere nello scontato: le psicologie di tutti i protagonisti sono complesse, così da non poter essere certi dei ruoli svolti da ognuno fino all’ultima pagina.

L’ambientazione delle isole Lofoten è una protagonista aggiunta: Granhus descrive magistralmente luoghi e spirito di quei luoghi, forte anche della loro conoscenza diretta, così da trasportare il lettore nei posti citati.

L’avvicendarsi delle voci narranti e dei flashback mantiene viva l’attenzione, regalando duecentocinquanta pagine di suspence e voracità letteraria, grazie anche allo stile di Granhus che è molto evocativo e coinvolgente.

Un thriller artico che sazia il lettore.

 

FRODE  GRANHUS su THRILLERNORD