Senza fiato




La prima indagine di Heinz Schmitt

Recensione di Manuela Baldi


Autore: Manfred Klimanski

Traduzione: Claudia Crivellaro

Editore: Elliot

Collana: Scatti

Genere: giallo – thriller – horror

Pagine: 206

Anno di pubblicazione: 2018

 

 

 
 
 
 
 
 
 

Sinossi. Trasandato e cinico, simpaticamente antipatico, l’investigatore Schmitt è perseguitato da una sfortuna instancabile e da una particolare inclinazione a compiere le scelte sbagliate. Vive a Ostratal, città immaginaria nel Sud della Germania in cui tutto funziona, e questo rende la vita terribilmente noiosa, con conseguenze deleterie sulla sua attività. Finalmente, però, qualcuno si rivolge a lui per un caso interessante: un solista di oboe chiede il suo aiuto per sfuggire a un ricatto. Schmitt inizia le indagini, ma poco dopo si ritrova testimone di un assassinio a sangue freddo. È solo l’inizio di una serie di morti e misteri all’interno del mondo della musica classica, che il lettore scoprirà insospettabilmente pervaso da corruzione e malvagità.

 

Recensione

Prima avventura della trilogia su Heinz Schmitt, investigatore privato per caso.

Da un’indagine per un ricatto, apparentemente semplice, con un ritmo lento, la storia si arricchisce di crimini e di coinvolgimenti non facilmente intuibili all’inizio.

Ambientazione tedesca. Le vicende personali dell’investigatore fanno da cornice alle sue indagini, un rapporto mai troncato del tutto con la ex moglie che serve per rimettere ordine nei pensieri e fare il punto sulle indagini.

Klimanski racconta di un mondo, quello delle orchestre, che conosce molto bene, racconta di vizi e virtù dei musicisti, di piccoli truffatori, ma racconta anche di una certa élite intoccabile ed in questo svela che tutto il mondo è paese.  

Pignolo, come un tedesco sa essere, per la parte che riguarda il compenso, Schmitt lo è molto meno per quanto riguarda i soldi dei quali viene in possesso in maniera inaspettata.

Capace di ragionamento, non suscita empatia ma nemmeno antipatia.

Consigliato a chi ama bizzarri investigatori e personaggi strani, ai musicisti, a chi è in cerca di letture non troppo impegnative.

 
 
 

Manfred Klimanski


Manfred Klimanski, nato nel 1947, è stato attivo per quarantadue anni nel mondo dei conservatori musicali, prima a Stoccarda e poi come rettore del Conservatorio di Friburgo, dal 1979 fino al pensionamento nel 2011. Vive a Denzlingen con la moglie. Ha tre figli e sette nipoti. Senza fiato, pubblicato in Germania nel 2015, è il primo volume di una trilogia che ha per protagonista lo strampalato investigatore Schmitt.